Biathlon | 11 marzo 2021

Biathlon - Lukas Hofer: "Felicissimo per questo podio, un risultato inseguito tutta la stagione"

L'atleta dei Carabinieri trova lo zero nella sprint di Nove Mesto e una settimana dopo Lisa Vittozzi sale sul terzo gradino del podio, un risultato sfiorato in numerose occasioni

Foto: Manzoni IBU

Foto: Manzoni IBU

Un podio sfiorato in tante occasioni per Lukas Hofer in questa stagione e finalmente è arrivato nella seconda sprint di Nove Mesto, Repubblica Ceca dove si sta disputando la penultima tappa della Coppa del Mondo di biathlon. L’azzurro classe 1989 dei Carabinieri è giunto terzo alle spalle del francese Quentin Fillon Maillet e il norvegese Tarjei Boe. Fondamentale per l’atleta di San Lorenzo di Sebato aver trovato il 10/10 al tiro, chiudendo con un gran ultimo giro che gli ha permesso di sopravanzare il francese Jacquelin a parità di errori.

“Oggi serviva lo zero perché nelle condizioni odierne il poligono sembra abbastanza facile, dato che molti atleti hanno trovato il 10/10: sono più che contento per questo risultato perché era davvero importante trovare il podio che inseguivo da tutta la stagione. Mi sentivo bene prima del via, avendo buone sensazioni sia sugli sci che al poligono, mi sono concentrato molto sul lavoro al tiro e dopo la serie in piedi si poteva cogliere il mio sorriso.

Lavoro molto sui dettagli per migliorare sempre visto il livello degli atleti in campo maschile, sia al tiro che sugli sci. Il podio mancava da due stagioni ma ci sono andato vicino diverse volte in stagione e sono riuscito finalmente a coglierlo. Spero di potermi divertire nuovamente anche nell’inseguimento, che assomiglia molto a una mass start in questa occasione e nelle prossime gare. Spero ci siano delle buone condizione meteo per fare delle belle gare.

Sono tra gli atleti con più presenze in Coppa del Mondo sono felice della crescita del movimento giovanile azzurro, anche a seguito dei risultati dell'Italia ai Mondiali giovanili. Le nuove generazioni stanno emergendo e abbiamo anche Tommaso e Didier che si sono allenati duramente durante l'estate e hanno mostrato il loro livello, per cui sono convinto che per l'Italia il futuro sia più che roseo".

Nicolò Persico

Ti potrebbero interessare anche: