Sci di fondo | 15 marzo 2021

Fondo - Alexander Bolshunov: "I norvegesi hanno dei vantaggi. Ecco come reinvestirò i miei guadagni per migliorare ancora"

Il russo non si accontenta e vuole migliorare ancora in futuro. Per completare il cerchio ora gli manca il titolo olimpico.

Alexander Bolshunov (credit Newspower)

Alexander Bolshunov (credit Newspower)

Lo sciatore russo Alexander Bolshunov dopo aver conquistato la 2^ Coppa del Mondo consecutiva ha rilasciato un'intervista al canale russo MatchTV.

Sono tanti gli argomenti trattati come le sue motivazioni, la beneficenza, lo stato d'animo nelle vittorie e nelle sconfitte, il rapporto con la stampa, gli impegni con gli sponsor, l'allenamento...

Ecco i punti salienti dell'interessante conversazione intrattenuta con il giornalista Sergey Lisin.

Alexander, qual è il focus del vostro allenamento nella preparazione per la stagione?

"In estate prepariamo quasi esclusivamente le distanze, lavoriamo a malapena sulle prove sprint. Non facciamo alcun lavoro specifico. All'inizio della stagione discutiamo con il nostro allenatore Yuri Borodavko che ritiene si debba prestare attenzione anche alle prove veloci, ma avremmo fatto solo 2 o 3 allenamenti specifici. Il resto del tempo la preparazione è residuale con brevi accelerazioni dopo un'ora di puro lavoro a intervalli quando siamo già stanchi."

Quindi tutti i tuoi successi nelle sprint sono dovute a doti naturali?

"Quali sono i successi nelle sprint? Ho vinto solo una volta a Ruka nel 2018. Diciamo che cerco di imparare anche guardando gli altri e aggiungere sempre qualcosa per migliorare nelle gare brevi e involata. Prima di Oberstdorf penso di aver fatto progressi."

Stai parlando di tecnica sciistica?

"Sì, vorrei anche acquistare un tapis roulant da sci di fondo per lavorare sulla tecnica. I norvegesi si allenano con questo macchinario una volta alla settimana affinché possano raggiungere la tecnica ottimale e osservano se stessi allo specchio per monitorare il gesto costantemente. Quando l'allenatore mi dice che devo fare un qualche tipo di movimento, cerco di mettere in pratica le istruzioni ma non sempre capisco cosa voglia nello specifico. Quando non puoi vedere te stesso tutto il tempo, è molto difficile fare ciò che viene richiesto alla perfezione. Ti sembra di fare la cosa giusta, ma in realtà questo non basta per renderlo perfetto. I norvegesi in ogni centro sciistico hanno un tapis roulant, uno specchio davanti, telecamere a sinistra e a destra e le immagini live visualizzate sui monitor di fronte, e lì puoi vedere tutto in una volta, tutti gli errori, come mettere un bastone, ginocchio, come spostare il centro di gravità. In questo siamo molto indietro rispetto a loro."

Quando hai iniziato a guadagnare tanti soldi come hai pensato di spenderli?

"Non spendo molto per me stesso e per togliermi sfizi. Sono concentrato sul risultato e il premio in denaro della stagione ho già idea come reinvestirlo. Il tapis roulant costa circa 120.000 euro. Coincidenza vuole che sia tutto ciò che ho guadagnato in stagione al netto delle tasse."

Lo farai di tasca propria?

"Certamente. Dobbiamo progredire ulteriormente in qualche modo."

Davide Bragagna

Ti potrebbero interessare anche: