Salto | 03 aprile 2021

Salto con gli sci - Ad una settimana dalla terribile caduta, Daniel Andre Tande è tornato in Norvegia

Il campione norvegese ha usufuito di un volo sanitario dalla Slovenia; il manager della Norvegia, Clas Brede Braathen: "Penso che Daniel possa diventare ancora una volta il miglior saltatore con gli sci al mondo"

Salto con gli sci - Ad una settimana dalla terribile caduta, Daniel Andre Tande è tornato in Norvegia

Dopo il grande spavento, Daniel Andre Tande è tornato in Norvegia. Ad una settimana dall’orribile caduta nel salto di prova della tappa di Coppa del Mondo sul trampolino di volo a Planica ed il coma indotto, l’atleta norvegese, che è stato risvegliato lunedì scorso, è tornato in Norvegia attraverso un volo sanitario dalla Slovenia ed è ora sotto le cure del servizio sanitario norvegese.

Soltanto tre giorni fa Tande aveva lasciato la terapia intensiva, dove era stato trasportato giovedì scorso immediatamente dopo la bruttissima caduta che gli è costata la rottura della clavicola e la perforazione al polmone.

La paura ha lasciato ora spazio a qualche sorriso e la certezza che il peggio è stato evitato. Il manager della nazionale norvegese di salto, Clas Brede Braathen, è convinto che Tande potrà tornare a gareggiare grazie al fatto che testa e collo non sono stati colpiti: «Non ha infortuni che potrebbero minacciare la sua carriera. Bisogna però fare un passo alla volta. Ci sono diversi atleti che hanno dimostrato di poter fare molto bene anche dopo una caduta drammatica. La prima persona a cui penso è Aksel Lund Svindal. Quindi penso che Daniel possa diventare ancora una volta il miglior saltatore con gli sci al mondo».

Un bel messaggio anche per l’atleta che giovedì aveva ringraziato tutti per la vicinanza. Insomma vedremo quanto tempo servirà affinché il norvegese possa recuperare da questa gravissima caduta, ma la certezza è che lo vedremo ancora saltare dai trampolini.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: