Sci di fondo | 05 maggio 2021

Sci di Fondo - La Svezia ha ascoltato le critiche di Frida Karlsson: due fisioterapisti saranno al seguito della squadra

Nella passata stagione la nazionale svedese si era presentata in Coppa del Mondo priva di fisioterapisti, facendo arrabbiare la campionessa svedese; ora la corsa ai ripari ...

Sci di Fondo - La Svezia ha ascoltato le critiche di Frida Karlsson: due fisioterapisti saranno al seguito della squadra

Nella passata stagione Frida Karlsson si era lamentata non poco con i vertici della nazionale svedese di sci di fondo per l'assenza della figura del fisioterapista nelle trasferte di Coppa del Mondo. La fondista svedese lo fece notare in occasione del Tour de Ski, quando in seguito alla caduta in albergo a Dobbiaco, si procurò un problema fisico che la costrinse poi ad abbandonare la competizione: «Non è l'ideale essere qui senza avere un fisioterapista. Penso sia davvero brutto».

Oltre a Frida Karlsson, anche altri fondisti svedesi si erano lamentati di questa mancanza. Il medico della nazionale, Per Andersson, ha spiegato a fine stagione che l'emergenza covid-19 l'aveva costretto a fare delle scelte anche drastiche per ridurre il numero di persone al seguito e di conseguenza il rischio di contagio: «Questa è forse la stagione più difficile che abbiamo mai avuto. Molte delle nostre decisioni erano legate al covid-19. Avevamo deciso di ridurre il numero di persone dello staff proprio per abbassare il rischio di diffusione del virus. Ma è anche possibile che siamo stati troppo cauti. Altre nazioni che sono andate con i fisioterapisti non hanno avuto problemi».

Nonostante l'emergenza covid-19 non sia ancora alle spalle, la situazione è destinata a cambiare il prossimo anno. «Abbiamo avuto un incontro con il team medico - ha affermato Frida Karlsson all'Expressen - sono stata critica sul fatto che non avessimo fisioterapisti durante l'ultima stagione. Comunque questo aveva a che fare con l'emergenza covid, quindi capivo le motivazioni. In futuro avremo due fisioterapisti in ogni raduno e ad ogni fine settimana di gara. Questo mi fa stare più tranquilla».


Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: