Sci di fondo | 10 giugno 2021

Sci di Fondo - Il sogno spezzato della ventenne Eliza Rucka: i continui svenimenti costringono la polacca al ritiro

La giovane ha fatto parte dell'emergente squadra polacca femminile cresciuta con Kowalczyk, ma in occasione del suo esordio in Coppa del Mondo è svenuta in qualificazione; un problema che non ha mai risolto

Foto Instagram

Foto Instagram

Un sogno spezzato ad appena 20 anni quello di Eliza Rucka, che è stata costretta a ritirarsi. La giovane polacca, classe 2000, era una delle giovani promesse del gruppo di atlete allenate da Justyna Kowalczyk, ma proprio nel momento in cui si stava affacciando nel massimo circuito, assieme alle compagne di squadra Marcisz, Skinder e Kaleta, la sua carriera ha preso una piega ben diversa. La giovane ha iniziato ad avere un particolare problema, che l’ha portata a svenire più volte nel corso delle competizioni. Fecero scalpore i suoi svenimenti in occasione della gara FIS dell’apertura della stagione svedese 2019/20 a Gälliväre e della qualificazione alla sprint di Coppa del Mondo ad Oberstdorf, sempre nella stessa stagione. Kowalczyk aveva giustificato così ai media i continui svenimenti della ragazza: «È un problema che la porta ogni tanto a svenire d’improvviso. Le accade soprattutto in discesa, il suo cervello non riceve abbastanza ossigeno, così collassa a terra. L’abbiamo fatta controllare in Polonia e tutti concordano sul fatto che non sia nulla di pericoloso».

Eliza ha quindi continuato a lottare per proseguire il suo sogno legato allo sci di fondo, lo sport che ha sempre amato, ma la Federazione Polacca ha voluto approfondire la sua problematica. Nel 2020/21 era stata inserita in nazionale da riserva per poi unirsi al gruppo una volta ricevuta l’approvazione da parte del medico. Ma nella passata stagione ha gareggiato veramente poche volte. Appena due presenze a Zakopane in Slavic Cup, ottenendo altrettanti podi, poi il 37° posto nella 10 km in skating dei Mondiali Under 23 di Vuokatti. Nel mezzo, però, ancora tanti svenimenti improvvisi.
Anche per la stagione 2021/22, la Federazione Polacca ha deciso comunque di inserirla in squadra. La sua presenza nel gruppo era però soggetta al superamento di alcuni test che la giovane ha poi sostenuto in Repubblica Ceca, dopo i quali il medico ha pianificato di assegnarle dei farmaci appropriati per provare a risolvere questa problematica legata agli svenimenti.

Tornata in patria, però, Rucka si è trovata di fronte alla triste realtà. «Secondo i medici della federazione, l’assunzione di farmaci potrebbe essere pericolosa quanto il mio svenimento. Anche un altro allenamento avrebbe potuto essere pericoloso. Tuttavia, sono estremamente dispiaciuta. Ho sempre sperato di venirne fuori. Ora mi sembra che una parte importante della mia vita mi sia stata portata via. Ci sono stati momenti difficili, ma mi è piaciuto molto» - ha affermato la giovane a sportswinter.pl.

Eliza lascia lo sci di fondo sei mesi prima di compiere ventuno anni. La polacca ha vinto quattro medaglie ai Campionati Nazionali e la classifica di Slavic Cup 2017/18. Ai Mondiali Juniores ha ottenuto come miglior risultato un 22° posto nella sprint di Lahti, giungendo anche quinta in staffetta. Alla vigilia della stagione 2019/20 aveva impressionato nei test pre stagionali a Muonio, ma purtroppo la sua unica presenza in Coppa del Mondo si è chiusa con quello svenimento avuto in occasione della qualificazione alla sprint di Oberstdorf.

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: