Sci di fondo | 30 luglio 2021

Sci di Fondo - Iversen e l'allenamento: "Quello che preferisco è la corsa nella palude"

Il campione del mondo della 50 km ad Oberstdorf ha parlato del suo allenamento

Sci di Fondo - Iversen e l'allenamento: "Quello che preferisco è la corsa nella palude"

Lo scorso marzo ha realizzato uno dei suoi grandi sogni, vincendo il titolo mondiale nella 50 km in classico del Mondiale di Oberstdorf. Emil Iversen ha finalmente vinto la sua prima medaglia individuale e l'ha fatto al termine di una gara disputata da protagonista, dall'inizio alla fine, così come aveva fatto anche in staffetta.

In un intervista rilasciata a Langrenn Plus, il campione del mondo ha parlato del suo allenamento. Ovviamente, il norvegese ha iniziato con una battuta, quando gli è stato chiesto quale sia il suo allenamento preferito. «In realtà, non ho un tipo di allenamento preferito. Tutti gli allenamenti fanno male e non mi piace allenarmi».

Tornando serio, Iversen ha poi ammesso di amare in particolare la corsa di tre ore nelle paludi: «Vivo a Meråker, quindi questa sessione è molto naturale per me. L'ho imparato da Frode Estil. È un ottimo allenamento perché puoi andare a lungo senza rischiare infortuni alle gambe perché corri su un terreno bagnato. È un allenamento semplice. Prendi le scarpe da ginnastica ed esci per ore. Solitamente faccio sempre lo stesso giro, ci vogliono tre ore per completarlo. Normalmente faccio questo allenamento una volta alla settimana».

Per l'allenamento a intervalli, Iversen preferisce correre su una salita ripida con i bastoncini, il cosiddetto Elghufs-workout. «Correre forte in salita è la mia passione. Di solito faccio 6 x 5 minuti con un recupero di 2-3 minuti. È una sessione difficile. Sono cresciuto con questo allenamento, ma non ricordo la prima volta che l'ho fatto. È un esercizio efficace, che può essere fatto quasi ovunque se trovi una salita adatta».

Iversen ha poi proseguito: «Inizio l'allenamento con un riscaldamento di 30 minuti e mi assicuro di terminarlo in fondo ad una salita adatta. Quindi, faccio quei sei intervalli e ho un recupero di 2-3 minuti nel mezzo. Corro molto duramente, vicino alla mia capacità massima. Per finire, faccio una corsa leggera di 35 minuti. Tendo a farlo una volta alla settimana, soprattutto in autunno».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: