Sci di fondo | 07 settembre 2021

Sci di Fondo - Brutte notizie per Svahn: costretta all'intervento chirurgico

L'atleta non riesce a guarire dall'infortunio alla spalla subito in occasione della caduta di Ulricehamn dello scorso febbraio. Al momento i medici non si sbilanciano sui tempi di recupero.

Sci di Fondo - Brutte notizie per Svahn: costretta all'intervento chirurgico

Linn Svahn dovrà sottoporsi a un intervento chirurgico. È quanto annunciato dallo staff medico della Federazione Svedese. Già domani la campionessa svedese sarà operata alla spalla che si è infortunata in occasione della tappa di Coppa del Mondo a Ulricehamn, quando è caduta in batteria. Al momento non sono chiari i tempi di recupero.

Tante le polemiche che sono esplose in Svezia, in quanto non ci si spiega come sia possibile che l'atleta finisca sotto i ferri a ben sette mesi di distanza dalla caduta, dopo un'estate intera in cui Svahn non è riuscita ad allenarsi con le compagne. Mercoledì, quindi, l'operazione a Stoccolma. «La situazione ovviamente non è affatto buona - ha affermato la fondista svedese - è un pessimo tempismo, ma sono arrivata al punto in cui l'operazione è l'unica possibilità per risolvere questo problema. È una situazione difficile e indesiderata, ma allo stesso tempo motivante per ricominciare e fare tutto quello che posso e un po' di più per tornare ancora più forte».

Il medico della nazionale svedese, Per Andersson, ha dovuto quindi rispondere a molte domande. «È chiaro che avremmo voluto che la riabilitazione avesse dato un risultato migliore - ha dichiarato all'Expressen - è difficile spiegare perché ci sia voluto tanto per arrivare a questa situazione. Vorrei davvero che non avessimo dovuto aspettare sette mesi e devo capire se avremmo dovuto fare in una maniera diversa. Ma su una ragazza come lei, vuoi provare tutte le altre vie d'uscita prima di fare un'operazione. Una parte del problema è dovuto al fatto che è stato anche difficile diagnosticare la gravità della lesione. Al momento non ci sentiamo sicuri della diagnosi e abbiamo bisogno di un quadro più chiaro per andare avanti».

A questo punto, soltanto nel corso dell'operazione si potrà realmente capire la gravità dell'infortunio della forte fondista svedese. «Ovviamente questa situazione ci preoccupa, in quanto non sappiamo cosa troveremo. Ma è necessario agire così ora. Al momento non possiamo nemmeno fornire una prognosi, in quanto può variare a seconda del risultato dell'operazione e di ciò che troveremo. C'è un ampio spettro temporale e per esperienza so che una speculazione sui tempi di recupero non è attualmente possibile».

Linn Svahn è già convocata per le Olimpiadi, ma al momento la sua partecipazione non è certa. «Il nostro obiettivo è solo che Linn guarisca il prima possibile - ha chiarito il medico - non abbiamo nemmeno discusso delle Olimpiadi. Linn è stata molto professionale durante questo periodo difficile e lo stesso atteggiamento ha avuto quando abbiamo preso questa decisione. Il suo unico obiettivo è guarire e tornare ad allenarsi il prima possibile».

All'Expressen, Ola Ravald, personal trainer di Linn Svahn, non nasconde la propria preoccupazione: «Non posso mentire, certo che sono preoccupato. Siamo già a settembre e Linn non è mai riuscita ad allenarsi al massimo».

Al di là dei tempi di recupero, la strada verso i Giochi Olimpici è sempre più tortuosa per Linn Svahn.

 

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: