Sci di fondo | 07 settembre 2021

Sci di Fondo - Egor Sorin: "In Norvegia le sensazioni di un atleta non sono meno importanti del programma dell'allenatore"

A Livigno, l'allenatore russo ha osservato molto da vicino il lavoro della nazionale norvegese, mentre sua moglie Tatiana Sorina si è allenata con Johaug.

Sci di Fondo - Egor Sorin: "In Norvegia le sensazioni di un atleta non sono meno importanti del programma dell'allenatore"

La nazionale norvegese ha raggiunto Lavazè dove prosegue il lungo raduno in quota. Durante la prima parte del raduno, che si è svolta a Livigno, la squadra femminile norvegese ha ospitato anche la forte russa Tatiana Sorina, che era in raduno a Livigno insieme a suo marito Egor Sorin, allenatore della nazionale russa.

È stato molto interessante quanto scritto proprio da Sorin sul proprio profilo instagram, nel quale ha descritto il modo di lavorare dei norvegesi. Alcuni spunti sono molto interessanti: «Il nostro mini-raduno sta volgendo al termine, mancano due giorni al rientro a casa. Mille grazie ai nostri colleghi norvegesi e personalmente a Therese Johaug per l'opportunità di condurre diverse sessioni di formazione congiunte. È stato molto istruttivo comunicare con lo staff tecnico norvegese e gli atleti stessi, per capire il loro approccio all'allenamento. Non c'era l'obiettivo di scoprire i segreti della loro metodologia, e nel bel mezzo della stagione preparatoria era inutile, ma l'atteggiamento e l'atmosfera sono molto interessanti. Sono ancora più convinto che la conoscenza di sé, l'esperienza e le caratteristiche fisiche di un atleta non siano meno importanti del programma degli allenatori. Ad esempio, in questo allenamento a intervalli, ogni atleta si è attenuto alla propria terza zona e nessuno è andato più veloce».

Sorin ha poi proseguito: «Non tutti sono arrivati alla fine, alcuni si sono resi conto che non era la loro giornata e hanno fatto meno intervalli. Negli allenamenti tranquilli, gli atleti hanno il diritto di scegliere da soli il volume. Gli allenatori hanno completa fiducia negli atleti e non tengono uno stretto controllo del loro allenamento. In estate, tutti i gruppi non conducono un allenamento centralizzato per quasi due mesi, esiste un piano di allenamento e gli atleti hanno il diritto di apportare modifiche e scegliere un luogo per svolgerlo. Sono convinto che non ci alleneremo mai come i norvegesi, non ne abbiamo bisogno, abbiamo il nostro approccio e le nostre caratteristiche di allenamento, ma vale la pena imparare e fare propria la loro esperienza, come fanno loro con noi».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: