Biathlon | 18 settembre 2021

Biathlon - Tre controlli antidoping saltati, 18 mesi di squalifica per Rastorgujevs

Il lettone è stato punito per aver saltato tre controlli antidoping in un anno; potrà rientrare solo l'11 settembre 2022 quando avrà però 34 anni. Perso anche l'oro conquistato ai Campionati Europei.

Foto Stancik / IBU

Foto Stancik / IBU

A distanza di mesi è arrivata la decisione ed è stata pesante. Andrejs Rastorgujevs è stato squalificato per 18 mesi dalla Divisione antidoping della Corte di arbitrato per lo sport (CAS ADD), colpevole di aver saltato tre controlli antidoping in dodici mesi. Il TAS ha quindi parzialmente accolto le accuse mosse all'atleta dal BIU, l'Unità di Integrità del Biathlon, riducendo però il periodo di squalifica da 24 a 18 mesi.

I diciotto mesi partiranno dall'11 marzo 2021, data di inizio della sospensione provvisoria imposta all'atleta lettone. Ciò significa che il biatleta lettone potrà tornare l'11 settembre 2022, quando avrà ormai 34 anni. Difficile immaginare se andrà avanti o se questa sarà un triste finale di carriera.

Sono stati anche cancellati tutti i risultati agonistici ottenuti da Rastorgujevs dal 1 luglio 2020 fino all'11 marzo 2021, con tutte le conseguenze che ne derivano inclusa la decadenza di medaglie, punti e premi.

Il lodo CAS ADD può essere impugnato alla Divisione Arbitrato d'Appello del CAS entro 21 giorni dal ricevimento della notifica del lodo definitivo. Vedremo se Rastorgujevs vi riccorrerà. Il lettone aveva vinto la medaglia d'oro nell'individuale ai Campionati Europei Open del 2021. A questo punto il titolo passerà al norvegese Bjøntegaard, mentre Strømsheim salirà ad argento e Khalili prenderà il bronzo.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: