Sci di fondo | 02 ottobre 2021

Ad Asiago, il mondo dello sci nordico festeggia l'inaugurazione della nuova sede della Rode

Autorità politiche e sportive presenti all'inaugurazione della nuova sede dell'azienda leader mondiale nelle scioline; Roberta Rodeghiero: "Senza il lavoro di mio padre oggi non saremmo qui"

Ad Asiago, il mondo dello sci nordico festeggia l'inaugurazione della nuova sede della Rode

Festa ad Asiago per l'inaugurazione della nuova sede della Rode, azienda leader nelle scioline. Nata su intuizione di Rizzieri Rodeghiero, a 68 anni dalla sua fondazione, l'impresa è oggi apprezzata da tutto l'ambiente dello sci nordico, grazie alla sua grande storia imprenditoriale e prodotti di grandissima qualità. Roberta Rodeghiero ha proseguito sulla linea tracciata da suo papà e così sta facendo oggi anche il resto della famiglia, legata dalla grande passione per lo sci di fondo.

Oggi la Rode è dotata di una nuova struttura produttiva innovativa e all’avanguardia per quanto riguarda la sostenibilità del prodotto che l’azienda veneta vende in tutto il mondo.

All'inagurazione hanno partecipato in Sindaco di Asiago, Roberto Rigoni Stern, il Vice Presidente del Coni Claudia Giordani, ovviamente Roberta Rodeghiero con tutta la famiglia e l'azienda, il Presidente della FISI, Flavio Roda, ma anche i consiglieri della FISI, dal momento che proprio all'interno dell'azienda si è svolto il Consiglio Federale, chiaro segnale della stima e del riconoscimento della FISI nei confronti della famiglia Rodeghiero. Presenti anche atleti molto legati alla Rode, come Federico Pellegrino, Francesco De Fabiani, Emanuele Becchis, i direttori tecnici di fondo e skiroll, Alfred Stauder e Michel Rainer, oltre a direttori tecnici del passato come Sepp Chenetti e Marco Selle. 

Roberta Rodeghiero è anche presidente dell’U.S. Asiago, che riceverà il prossimo 12 ottobre a Milano il Collare d’oro, massimo riconoscimento sportivo del Coni.

Il Sindaco, Roberto Rigoni, ha applaudito e ringraziato la famiglia Rodeghiero per il lavoro svolto dall'azienda: «Qui è presente la storia e la passione, un progetto di imprenditorialità legato allo sport, che era nella visione di Rizzieri Rodeghiero. Ringrazio di cuore questa famiglia che ha voluto portare avanti questa storia e tradizione, che dallo sport, dal freddo e dal ghiaccio, da questi cristalli che sono evocati anche negli arredi dell'azienda, hanno dato un grande impulso a un'economia particolare legata a uno sport come questo. Ringrazio Roberta e la sua splendida famiglia per questo segnale forte di riparte, di cui abbiamo bisogno come comunità».

Molto sentito anche l'intervento del presidente Roda, che ha voluto onorare l'azienda anche organizzandovi all'interno il consiglio federale: «Ringrazio per l'invito a questo evento. Oggi siamo qui anche come consiglio federale, anche per dare un segnale, per l'importanza di questa azienda, che ha una storia bellissima, legata a tanti successi ma soprattutto sempre al fianco di tanti atleti. Come Federazione era importante essere qui proprio per ringraziare la Rode, che è sempre stata al nostro fianco. Grazie per tutto quello che avete fatto e farete in futuro».

Infine ha preso la parola un'emozionata Roberta Rodeghiero, padrona di casa orgogliosa di quanto fatto in questi anni e del riconoscimento ricevuti da tutto l'ambiente. «In questi giorni ho pensato a cosa dire oggi, ma ciò che dico viene dal cuore. Oggi rappresento la storia della Rode, iniziata settant'anni fa grazie a mio padre, senza il suo lavoro non saremmo qui adesso. È iniziata nella cucina di mia nonna, dove aveva iniziato a fare i suoi primi esperimenti, per poi continuare un poco alla volta a crescere. Lui è stato atleta, ha avuto la possibilità di conoscere tantissime persone e ha fatto provare i suoi prodotti agli atleti, che andavano così bene che tutti hanno cominciato a usarli fino a portare la Rode a essere leader mondiale delle scioline. Oggi inauguriamo questa sede, che rappresenta una vita di lavoro e sacrificio. Se siamo qui oggi è grazie a mio padre».

 

Giorgio Capodagliop

Ti potrebbero interessare anche: