Sci di fondo | 14 ottobre 2021

La casa editrice del libro dei fratelli Bø si scusa con Sergey Ustiugov

Il forte atleta russo viene citato al posto del biatleta Evgeny, squalificato per doping; Markus Cramer: "Prima che un libro arrivi in ​​una tipografia, qualcuno deve leggere e controllare cosa c'è scritto".

Foto Newspower

Foto Newspower

Ha fatto scalpore il clamoroso errore apparso sul libro dei fratelli Tarjei e Johannes Bø, "Fratellanza", nel quale riferendosi al caso doping del biatleta Evgeny Ustiugov, viene erroneamente citato il fondista Sergey Ustiugov. Un errore commesso non raramente in Russia, che ha sempre mandato su tutte le furie l'atleta, il quale ha spesso attaccato i media per la loro incompetenza. Questa volta, però, lo scambio di persona è arrivato sul libro di due grandi stelle del biathlon internazionale.

A NRK, l'allenatore del russo, Markus Cramer, ha commentato l'accaduto, ovviamente come sempre con i suoi toni molto pacati: «È un peccato, tutto qui. Prima che un libro arrivi in ​​una tipografia, qualcuno deve leggere e controllare cosa c'è scritto. Queste persone dovrebbero capire che Evgeny e Sergey sono due persone completamente diverse. Soprattutto in Norvegia, nazione che ama tanto il biathlon e lo sci di fondo. Devono essere in grado di scrivere il nome corretto. Le foto di Sergey e il suo nome sono spesso usati quando si parla di Evgeny Ustyugov. Non è un grosso problema, ma quando succede più e più volte, è difficile da capire. Quando si tratta di doping, non è bello sentire sempre la stessa cosa».

La casa editrice, la norvegese Kagge, si è scusata con lo sciatore russo Sergey Ustiugov per il clamoroso errore commesso: «Nella frase in cui viene erroneamente citato Sergey Ustiugov, è chiaro che stiamo parlando di un biatleta russo. Speriamo e crediamo che i lettori capiranno dal contesto che non possiamo parlare dello sciatore Sergey Ustiugov, che non gareggia nel biathlon. La casa editrice Kagge si assume la piena responsabilità di questo errore». La casa editrice, attraverso il manager Jorunn Sandsmark, ha rivelato poi a NRK che gli editori hanno corretto l'errore nella versione elettronica del libro e modificheranno le nuove versioni stampate».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: