Sci di fondo | 16 ottobre 2021

Sci di Fondo - Momenti di paura per Øystein Pettersen: malore mentre era in bici, ma il peggio è passato

L'ex fondista norvegese ha avuto una emorragia subaracnoidea, ma fortunatamente non ha avuto conseguenze pesanti e dopo una settimana è tornato a casa dalla famiglia.

Foto Instasgram di Pettersen

Foto Instasgram di Pettersen

Momenti di paura la settimana scorsa per Øystein Pettersen, ex fondista della nazionale norvegese, vincitore dell'oro olimpico nella team sprint di Vancouver 2010 in coppia con Hattestad, prima di dedicarsi con buonissimi risultati anche alle lunghe distanze.

VG ha svelato che la settimana scorsa il trentottenne ha avuto un malore mentre era in bicicletta dopo aver portato i figli a scuola. «Ho iniziato a sentire molto freddo sotto il casco - ha raccontato l'ex fondista a VG - poi è iniziato un mal di testa improvviso, violento e molto doloroso. Potevo solo togliermi il casco. Non appena ho mosso la testa, il dolore è stato terribile».

Pettersen è riuscito almeno a chiamare un amico e in poco tempo è riuscito a entrare al pronto soccorso dell'ospedale di Lillehammer. I medici lo hanno subito preso in cura e diagnosticato una emorragia subaracnoidea, fatale per il dieci percento dei pazienti appena portati in ospedale e un altro 10% nei primi giorni di ricovero. L'ex fondista è stato poi trasportato in elicottero al Rikshospitalet di Oslo, dove è rimasto sei giorni in cura prima di poter tornare a casa mercoledì.

«Non so quanto tempo mi ci vorrà per riprendermi - ha affermato Pettersen - ma sono stato molto fortunato. Alcuni non ce la fanno, altri restano segnati a vita. Prendetevi cura delle persone che amate».

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: