Salto | 21 novembre 2021

Salto con gli sci - Granerud vince a Nizhny Tagil e fa ancora la storia del salto norvegese

Salto con gli sci - Granerud vince a Nizhny Tagil e fa ancora la storia del salto norvegese

Tanti colpi di scena nella seconda gara in programma a Nizhny Tagil. Il primo è arrivato già in qualificazione, quando Ryoyu Kobayashi, d’obbligo uno dei favoritissimi al successo dopo la grande prestazione di sabato, è stato squalificato per tuta irregolare. Il secondo è avvenuto nella prima serie di gara, quando Kamil Stoch, apparso in grande forma nei primi due giorni in Russia, ha sbagliato il suo salto, non reagendo alle condizioni di vento che non l’hanno aiutato, finendo per trovarsi addirittura 33° e fuori dalla seconda manche. Stessa sorte anche per i suoi compagni Kubacki e Wolny, a sancire una giornata da incubo per la Polonia, visto che il migliore è stato Zyla 16°, seguito da Stekala 30°.

Chi non ha fatto passi falsi è stato Granerud. Il detentore della Coppa del Mondo si è imposto grazie a una prestazione solida, facendo così la storia e diventando il saltatore norvegese più vincente di sempre in Coppa del Mondo. Se nella prima serie il detentore della Coppa del Mondo ha saltato in un momento molto favorevole, riuscendo a sfruttarla con merito atterrando a 134,5 metri, nella seconda ha avuto il semaforo verde in uno dei momenti peggiori, ma da fuoriclasse ha saputo venirne a capo saltando 122 metri e conquistando così un meritatissimo successo.

Alle sue spalle il solito Karl Geiger, capace ancora una volta di essere perfetto anche in condizioni sfavorevoli. Nella prima serie ha avuto il merito di chiudere al terzo posto pur tra le difficoltà e anche nella seconda non si è lasciato spaventare dalla fitta nevicata e dal vento, andando a prendersi la piazza d’onore e mettendo anche pressione a Granerud, bravo però a non sentirla.
Sul terzo gradino del podio un bravissimo Kraft, passato dalla mancata qualificazione di ieri alla splendida rimonta di oggi. L’austriaco era infatti quattordicesimo dopo il primo salto ma, come già fatto ieri da Stoch, è stato autore di un ottimo secondo salto atterrando a 127 metri dopo aver trovato alta velocità nell'in-run e recuperando così numerose posizioni fino al terzo posto.

Sorrisi per la Slovenia, che ha piazzato due atleti ai piedi del podio, Timi Zajc quarto e Cene Prevc, quest’ultimo in netta crescita, quinto, ma anche Anze Lanisek settimo. Bel sesto posto per lo svizzero Killian Peier, che ha dimostrato di aver lavorato bene in estate. In top ten anche Eisenbichler, giunto ottavo, Forfang nono e Leyhe, autore anch’egli di una bella rimonta dopo il 21° posto della prima serie.
Crollo verticale per gli austriaci Hörl e Huber, rispettivamente secondo e quarto dopo la prima serie. Entrambi hanno sbagliato il secondo salto, non riuscendo ad adattarsi alle condizioni critiche trovate. Huber è sceso all’undicesimo posto, Hörl addirittura al 24°.

Per la classifica completa clicca qui

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: