Sci di fondo | 22 novembre 2021

Protocollo Covid-19 FISI per gare federali: regole 2021/2022 per sci di fondo, biathlon e sci alpinismo

Protocollo Covid-19 FISI per gare federali: regole 2021/2022 per sci di fondo, biathlon e sci alpinismo

È stato ufficialmente diramato il protocollo Covid-19 della FISI, che si applica a tutte le gare federali che si disputeranno nel corso della stagione 2021/2022. La pandemia di Coronavirus rappresenta purtroppo ancora una minaccia con cui confrontarsi e, per non farsi cogliere impreparata, la Federazione ha inteso individuare e mettere nero su bianco alcuni paletti che devono essere rispettati per ridurre quanto più possibile il rischio contagi.

Vi riportiamo di seguito le regole principali per quanto riguarda le competizioni di sci di fondo, biathlon e sci alpinismo.

ACCESSO AL CAMPO DI GARA

È necessario indossare il pettorale di gara. Rilevazione all'ingresso nel campo di gara della temperatura corporea esterna frontale (ove non sia percorribile all'atto del ritiro dei pettorali, il responsabile dello sci club presenterà autocertificazione attestante che per tutti sono state effettuate le verifiche). Se la temperatura è maggiore di 37,5°, si effettua la seconda misurazione dopo 5 minuti. Se anche la seconda misurazione dà esito analogo al precedente, l'accesso al campo di gara è negato.

CONSEGNA DEI PETTORALI

Per il ritiro dei pettorali dovrà essere esibito il Green Pass valido, salvo che il controllo sia stato coordinato con il gestore dell'impianto di risalita. Per ritirare il pettorale tutti i concorrenti dovranno aver consegnato il modulo compilato in ogni sua parte e controfirmato. Per pettorali non monouso, è necessaria la sanificazione dopo ogni utilizzo prima del loro riuso.

COMPORTAMENTO IN ZONA PARTENZA

Gli ammessi alla zona dovranno indossare la mascherina, ad eccezione dei concorrenti, che dovranno indossare il pettorale di gara, presentarsi con mascherina e potranno toglierla solo dopo l'ingresso nel corridoio di partenza. È necessario delimitare un corridoio di partenza con ampiezza atta a consentire il distanziamento tra gli atleti e lo stazionamento degli stessi e dei loro accompagnatori nei 5 minuti precedenti il tempo di partenza. Per ogni concorrente è ammesso un solo accompagnatore e, inoltre, occorre prevedere una via di uscita dell'accompagnatore che non incroci quella dei concorrenti in attesa di partire. Per evitare assembramenti, rispettare l'orario prestabilito di partenza dei concorrenti.

PUNTO DI RISTORO/ASSISTENZA LUNGO LA PISTA

Consentita la presenza solo agli allenatori. Occorre prevedere solo contenitori singoli monouso, cibo in monoporzioni, quantità sufficienti di acqua in bottiglie singole, bevande in bottiglie singole. Vietato organizzare buffet. Vanno limitate le forme di interazione o di contatto tra i volontari e i membri delle squadre.

COMPORTAMENTO IN ZONA ARRIVO

Gli ammessi alla zona devono indossare la mascherina. I concorrenti devono indossare la mascherina se stazionano oltre il tempo necessario al recupero di energie fisiche, materiali e abbigliamento. Bisogna altresì ridurre al minimo necessario i volontari nella zona dove la distanza è limitata e non ci saranno tende di cambio all'arrivo. Gli atleti devono lasciare l'area comune al più presto. Dovranno essere rispettate le misure di distanziamento e sarà necessario prevedere che il trasporto dell'abbigliamento dalla zona partenza alla zona arrivo sia effettuato solo dal personale di squadra.

PREMIAZIONI

Cerimonie ridotte all'essenziale e consentite in zona di arrivo e all'aperto, nel rispetto del distanziamento. Proibiti rinfreschi, estrazioni a sorte e altre attività che causano assembramento.

RIUNIONE DEI CAPISQUADRA

Dovrà tenersi in locali idonei a contenere in presenza un minimo di persone per un tavolo organico di lavoro, composto da un responsabile dell'elaborazione dati (ufficio gare/cronometrista), un responsabile della società organizzatrice, DT-FISI. È prevista la presenza di un rappresentante per ogni sci club/comitato regionale. Sarà rilevata la temperatura corporea esterna frontale all'ingresso del locale dove si terrà la riunione. Andranno osservate scrupolosamente le misure igieniche e di distanziamento, con le mascherine che dovranno essere indossate correttamente. La rimanenza dei partecipanti alla riunione potrà intervenire, previa comunicazione della società organizzatrice via e-mail e/o mediante pubblicazione del programma gara, dopo le 17 in formato remoto/online attraverso le piattaforme commerciali interattive, dove potrà ricevere informazioni quali ordine di partenza dopo sorteggio effettuato, programma gara del giorno successivo e tutti i dettagli inerenti alla manifestazione. Se gli spazi messi a disposizione non saranno idonei, la riunione dovrà tenersi completamente online.

NORME PARTICOLARI PER GARE FIS

Gare Coppa Europa: tutti gli accreditati (atleti/tecnici/staff) dovranno essere in possesso di un tampone PCR eseguito nelle 72 ore precedenti l'arrivo in sede di gara.

Gare FIS: tutti gli accreditati (atleti/tecnici/staff) che non fossero in possesso di Green Pass valido dovranno essere in possesso di un tampone PCR eseguito nelle 72 ore precedenti l'arrivo in sede di gara o di un tampone rapido antigenico eseguito nelle 48 ore precedenti l'arrivo in sede di gara.

REGOLE PER SCI DI FONDO E BIATHLON

Sprint e staffette: le corsie devono garantire la distanza di minimo 1,5 metri tra ogni atleta in partenza. Invariata la procedura di cambio tra i frazionisti.

Mass start: se le dimensioni dell'area di partenza e/o il numero dei partenti non consentono il distanziamento di 1,5 metri tra ogni atleta, i concorrenti dovranno indossare obbligatoriamente la mascherina alla partenza e potranno abbassarla solo un minuto prima della partenza. La mascherina andrà quindi custodita dal concorrente (non gettarla a terra). L'abbandono di mascherina comporta la squalifica del concorrente, salvo più gravi sanzioni previste dalle norme igienico-sanitarie.

ACCESSO ALLE CABINE

L'accesso alle cabine dedicate alla preparazione dei materiali è consentito esclusivamente ai tecnici addetti alla preparazione. Il ritiro degli sci preparati dovrà avvenire all'esterno della cabina da parte dell'atleta stesso.

REGOLE BIATHLON

Prove di tiro – azzeramento carabine: si devono predisporre per ogni allenamento ufficiale e per ogni gara almeno 2 sessioni separate di azzeramento. Si raggruppano le categorie distribuendo il numero dei partecipanti in quote proporzionate tra loro, sino ad un massimo di 120 atleti per ciascuna sessione. Oltre la quota di 120 atleti, occorre prevedere ulteriori sessioni di azzeramento, sia per l'allenamento ufficiale che per la gara. Durante le sessioni di azzeramento delle carabine possono essere presenti contemporaneamente 3 atleti per ciascuna linea di tiro, di cui 2 in prossimità della linea di tiro per l'attesa del proprio turno, con la mascherina indossata e uno sul tappeto, che effettua le prove di tiro. Durante tutto l'arco dello svolgimento dell'allenamento ufficiale possono sostare nell'area di tiro del poligono, in prossimità delle rastrelliere e del corridoio allenatori, al massimo 2 atleti per ciascuna linea di tiro, per effettuare esclusivamente le operazioni di caricamento dei caricatori e per ricevere le indicazioni dal proprio allenatore, mantenendo le distanze di sicurezza.

Comportamento al poligono - Carabine condivise: deve essere predisposta una duplice rastrelliera nel poligono di tiro, di cui una da usare per il prelievo della carabina da parte dell'atleta e una per il deposito della carabina dopo l'uso. Uno o più addetti dell'organizzazione, muniti di guanti, devono sanificare l'arma dopo l'uso e riporla nella prima rastrelliera.

SCI ALPINISMO

Zona preparazione materiali: ridurre al minimo necessario i volontari in quest'area e consentire l'ingresso ad un numero limitato di tecnici/rappresentanti di squadra (uno per squadra), in particolare alla zona di partenza. Bisogna altresì prestare particolare cura quando si maneggiano pettorali e time chips sia prima sia dopo la gara e disporre che siano gli atleti a mettere in contenitori di plastica pettorali e chip al termine dell'evento. La consegna dei pettorali deve essere fatta ai capisquadra. Non ci deve essere contatto con gli atleti da parte degli addetti ai lavori: nel caso, prevedere i pettorali su rastrelliera con ritiro da parte degli atleti. Va inoltre incoraggiato l'uso di etichette con nome visibile sulle diverse attrezzature per consentire all'atleta di riconoscere subito il suo materiale e non è consentito agli addetti alla gara toccare/spostare il materiale degli atleti.

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche: