Combinata | 27 novembre 2021

Combinata Nordica - Assente Riiber, è trionfo tedesco: tripletta con Weber, Frenzel e Geiger

Combinata Nordica - Assente Riiber, è trionfo tedesco: tripletta con Weber, Frenzel e Geiger

Squalificato già in qualificazione Jarl Magnus Riiber, la seconda competizione di Ruka ha regalato forti emozioni con un inseguimento da 10 km equilibratissimo, che si è concluso con un trionfo tedesco.

La Germania ha infatti conquistato una splendida tripletta, con Terence Weber, Eric Frenzel e Vinzenz Geiger. Una gara che i tedeschi hanno affrontato in maniera molto tattica, dando anche l’impressione di correre qualche rischio, ma in realtà avendo la situazione sotto controllo dall’inizio alla fine. Weber, dopo aver vinto il segmento di salto, ha preferito aspettare gli altri, tra cui i compagni Frenzel e Geiger. Si è così formato presto un gruppetto con i tre tedeschi insieme a Bjørnestad, Ilves, Yamamoto e Seidl. A loro si sono aggiunti a metà gara anche Lamparter, Akito Watabe e Greiderer. Il giovane austriaco, secondo venerdì sui 5 km, ha cercato di provare la gamba e capire lo stato di forma degli avversari dando un’accelerata in salita nel corso del terzo giro, per poi tornare nei ranghi.  Il gruppo è così rimasto compatto fino all’ultimo giro, a ritmi molto bassi, tanto che da dietro è rientrato anche un altro gruppo, molto pericoloso, trainato da Graabak, con all’interno anche Julian Schmid, atleti che erano partiti a più di un minuto dalla vetta e che è sempre meglio non avere vicino nell'inseguimento di fondo.

Sull’ultima salita è quindi arrivato l’attacco dei tre tedeschi, freschi dopo una gara corsa a risparmiarsi. Impressionante il passo in salita di Weber, che è riuscito a staccare i due compagni di squadra e tagliare il traguardo da solo in testa per la sua prima vittoria in carriera. Alle sue spalle Frenzel e Geiger, che ha ben controllato il rientro di un pericoloso Ilves, giunto quarto. Quinta piazza per l’ottimo Schmid, capace di mettersi alle spalle di un soffio Greiderer, poi Graabak e Lamparter, giunto ottavo. A chiudere la top ten i giapponesi Akito Watabe e Ryota Yamamoto.

Dopo la falsissima partenza di ieri, con la squalifica dell’intera squadra per una gravissima leggerezza, e le difficoltà avute nel salto nei primi tre giorni, un piccolo sorriso arriva anche per l’Italia. A regalarlo è Raffaele Buzzi, autore di una bellissima rimonta sugli sci dalla 39ª fino alla 30ª posizione. Bravo il carabiniere friulano, che era staccato di oltre un minuto dalla zona punti dopo il segmento di salto. All’ultimo giro, Buzzi è riuscito a recuperare sul francese Heinis, ottimo saltatore che deve crescere nel fondo, ma anche staccare Samuel Costa, che ha chiuso in 32ª posizione. Più indietro gli altri due azzurri: 41° Iacopo Bortolas e 45° Aaron Kostner. Peccato per il trentino non aver avuto l’opportunità di misurarsi ieri quando l’inseguimento era solo sui 5 km.

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: