Combinata | 27 novembre 2021

Combinata Nordica - Riiber squalificato in qualificazione! Weber vince il segmento di salto

Foto Newspower

Foto Newspower

Impossibile batterlo per gli avversari, battibile però per i giudici. La seconda competizione di Ruka, sul trampolino HS142, è stata subito segnata da un evento clamoroso durante la qualificazione, quando Jarl Magnus Riiber è stato squalificato per irregolarità della tuta. Stessa sorte è toccata anche al suo compagno di squadra Kasper Moen Flatla, segno che effettivamente nelle tute di alcuni norvegesi c’era qualcosa che non andava. Curiosamente, Riiber venne squalificato anche nella passata stagione, sempre a Ruka, ma nel PCR. Ciò non gli permise di fare tripletta, in quanto venne utilizzato a causa del vento che costrinse alla cancellazione del segmento di salto.

Fuori dai giochi Riiber, per la delusione dei tanti appassionati che non avranno oggi l’opportunità di vederlo all'opera, ci si è messo anche il vento a rendere il salto più complicato, dal momento che soffiando alle spalle, anche forte, ha condizionato non poco i protagonisti. Ne hanno pagato le conseguenze in parte Lamparter, che partirà 11° a 39” dal leader Terence Weber, così come Greiderer subito dietro al compagno, ma soprattutto Faisst 19° e Jens Luraas Oftebro appena 32°. In grande difficoltà anche l’idolo di casa Ilkka Herola, solo 33°.

Chi è riuscito a non farsi spaventare è stato un ottimo Mario Seidl, che ha chiuso secondo e partirà a 6” da Weber. Dalla terza casella toccherà all’estone Ilves, che avrà alle sue spalle Yamamoto, poi Bjørnestad, quindi i due tedeschi, Franzel e Geiger, rispettivamente a 15” e 18” dal leader, pronti ad andare all’assalto della vittoria. Anche se Lamparter non è troppo distante. Dalla 13ª piazza partirà Akito Watabe, staccato di 45”. Da segnalare la splendida prova del giovane francese Marco Heinis, che partirà dall'ottava casella, essendosi confermato un ottimo saltatore.

L’Italia c’è e questa è già una notizia lieta, dopo il gravissimo errore commesso ieri che ha estromesso gli azzurri dalla prima competizione. Come nel PCR e nel salto di qualificazione mattutino, gli azzurri sono sembrati avere ancora con un po’ di ruggine dal trampolino. Il migliore è stato ancora una volta Iacopo Bortolas, che ha concluso 31° e partirà a 1’57” dal leader. Meglio rispetto al PCR ha fatto Samuel Costa, 34° a 2’34”. Nell’inseguimento da 10 km può provare a entrare in zona punti. Più indietro Buzzi e Kostner, rispettivamente 39° e 40° con distacchi di 2’58” e 3’08”. Il carabiniere friulano punta a recuperare diverse posizioni nel segmento di fondo.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: