Sci di fondo | 04 dicembre 2021

Sci di Fondo - Johaug e i tecnici norvegesi contro Sorina: "Mi ha penalizzata"

Sci di Fondo - Johaug e i tecnici norvegesi contro Sorina: "Mi ha penalizzata"

Emozioni forti a Lillehammer per una 10 km femminile da batticuore. Frida Karlsson e Therese Johaug hanno regalato una gara splendida, con continui capovolgimenti, alternandosi più volte in testa alla classifica. Alla fine l'ha spuntata la svedese per appena tre decimi, un distacco difficile da accettare, anche se Johaug si è subito complimentata con Karlsson sia in privato che pubblicata. Un bel duello è quanto più esalta un'atleta competitiva come la norvegese.

La gara odierna ha però portato con sè anche una coda polemica tra Norvegia e Russia. Sotto accusa l'atteggiamento di Tatiana Sorina, raggiunta da Johaug già nel primo giro e per l'intera gara sulle code della norvegese, ma proprio in senso letterale. La russa, infatti, secondo quanto riferito sia da Johaug che dai tecnici norvegese, ha più volte calpestato gli sci e i bastoncini della campionessa mondiale. Ovviamente in una gara tirata come quella odierna, persa per appena tre decimi, ciò ha innervosito non poco Johaug e i suoi allenatori.

Dopo la gara, proprio di fronte ai media in mixed zone, Ole Morten Iversen, allenatore della squadra femminile norvegese, e Egor Sorin, allenatore e marito della fondista russa, hanno discusso in modo intenso.

Al microfono di NRK, al termine della gara, Johaug è apparsa piuttosto infastidita nei confronti della sua rivale, colpevole di averle calpestato sci e bastoni: «È successo più di una volta, l'ha fatto regolarmente per due giri, più di cinque chilometri. Ero arrabbiata, mi ha toccato i bastoni per tutto il tempo, mi infastidiva. Perdi ritmo quando qualcuno colpisce di continuo i tuoi bastoni. Non è necessario».

Al termine del confronto con Sorin, Iversen ha chiarito la sua idea al microfono di NRK: «Ho detto lui il mio pensiero, credo che Sorina abbia avuto un comportamento antisportivo e le ho chiesto di non farlo più. Quando qualcuno ti colpisce i bastoni tutto il tempo, perdi più di tre decimi. Ma non importa. È stata una bella gara».

Sorin ha cercato di giustificare: «Penso che sia qualcosa che dovrebbe essere chiarita tra le due donne, non tra noi allenatori. Ma per lei non è stato facile andare con il suo stesso ritmo, perché Tatiana ha pattinate più lunghe, mentre Therese va con più frequenza. Certo, può succedere in discesa, ma le dispiace che sia accaduto. Capisco che non è facile mantenere la calma».

Al termine della gara, Johaug ha accettato le scuse della russa, ma non crede alle giustificazioni di Sorin: «Allora doveva allontanarsi di più da me. Non puoi discutere su ritmo o tempo. Non dovresti calpestare l'attrezzatura della persona di fronte a te». 

E pensare che per tutta l'estate Sorina voleva allenarsi con Johaug, per la stima nei confronti della norvegese. La competizione è un'altra cosa.

 

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: