Sci alpinismo | 13 gennaio 2022, 08:21

Ski Alp 'Xperience: selfie sulla neve per promuovere lo sci alpinismo in Valle d'Aosta

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

La promozione dello sci alpinismo in Valle d'Aosta passa anche mediante i selfie sui social: questo è, in estrema sintesi, Ski Alp 'Xperience, progetto avviato nel febbraio 2021 durante i mesi di chiusura degli impianti di risalita a causa della pandemia di Coronavirus.

L'iniziativa, ideata da Matteo Alberti e dalla Pro Loco della Valgrisenche, ha conosciuto i suoi esordi proprio a quelle latitudini, ottenendo la prestigiosa bandiera verde di Legambiente. L'eco assordante del successo di Ski Alp 'Xperience ha fatto sì che vi aderissero anche le località di Rhemes-Notres-Dames (con quattro itinerari), La Salle (due), Bionaz (tre) e Ollomont (uno). In Valgrisenche, inoltre, si è aggiunto un altro percorso, portando a sette quelli totali.

Come ha illustrato lo stesso Alberti ai microfoni dell'agenzia stampa nazionale ANSA, "il sistema è lo stesso dell'anno scorso con la targhetta in cima o lungo il percorso. Chiediamo che chi partecipa si iscriva gratuitamente con il modulo sul sito ufficiale e, in più, carichi la foto sul profilo Instagram o Facebook con gli hashtag corretti, che sono #skialpxperience #visitvalgrisenche #lasallemontblancexperience #rhemesnotredame #ollomont #bionaz".

Il bacino d'utenza che può fruire di Ski Alp 'Xperience non conosce barriere né limiti d'età: "A partire dal Col de Bard a La Salle, quest'anno abbiamo voluto aggiungere itinerari semplici, adatti anche ai principianti. L'intento è quello di incentivare l'approccio alla montagna in modo responsabile e senza alcuna competizione, lasciando da parte ogni tentativo di record. Faremo promozione in tutto il Nord Italia, parallelamente all'ingresso di nuovi sponsor".

Un plauso all'intuizione di Alberti è stato rivolto anche da Legambiente Valle d'Aosta, per bocca del presidente Denis Buttol, sempre attraverso le colonne dell'ANSA: "Siamo contenti che questo tipo di turismo sostenibile sia condiviso da altri soggetti. Un'iniziativa che non crea assembramenti e non mira a creare progetti faraonici".

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche: