Biathlon | 19 gennaio 2022

Biathlon - Le emozioni di Nicolò Betemps dopo l'argento europeo: "Non avrei mai immaginato di vincere una medaglia"

Biathlon - Le emozioni di Nicolò Betemps dopo l'argento europeo: "Non avrei mai immaginato di vincere una medaglia"

È arrivato addirittura a un soffio dalla medaglia d'oro, mancando un bersaglio proprio nell'ultima serie dell'individuale che ha aperto gli Europei Juniores di Pokljuka. Nicolò Betemps ha conquistato un bellissimo argento in una competizione che vede al via atleti che gareggiano in una categoria superiore rispetto a quella del valdostano delle Fiamme Oro, appena classe 2003. Il chiaro segnale di un giovane che sta confermando il suo grande talento e soprattutto è in crescita di condizione.

A Fondo Italia, Betemps ha descritto le proprie emozioni dopo la bellissima medaglia che porterà nella sua Valle d'Aosta: «Sono contentissimo della gara che ho fatto oggi, perché non avrei mai immaginato di conquistare una medaglia agli Europei Junior - ha ammesso l'azzurro - anche perché facendo parte della categoria Youth, sono venuto qui principalmente per fare esperienza sfruttando al meglio l'opportunità che mi è stata offerta dai tecnici. La gara è andata benissimo. Nei primi tre poligoni, in cui ho fatto sempre zero, mi sembrava quasi più facile del solito sparare. Anche in occasione dell'ultima serie stavo bene, poi ho sbagliato proprio l'ultimo colpo. Ovviamente quell'errore mi ha infastidito in quanto non mi ha permesso di vincere, ma sono comunque felice di aver fatto uno in un'individuale. Addirittura credo che sia solo la prima volta in cui sbaglio meno di tre colpi in questo format. Sono contento di aver ottenuto questa medaglia, visto che c'è un grande livello. Addirittura ho preso due minuti dal tempo del migliore atleta sugli sci. Ora spero di continuare così la stagione e fare bene anche alle prossime gare».

Betemps ha quindi voluto ringraziare tante persone per questo bellissimo risultato da lui ottenuto. «Ci tengo a dire grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato. Tutta la squadra, i miei compagni, gli allenatori, che sono Franz Semenzato, Pietro Dutto, Aline Noro, Samantha Plafoni e Daniele Piller Roner, poi gli skiman, che mi hanno messo a disposizione degli ottimi sci. Poi ringrazio la mia famiglia e le Fiamme Oro, che da ormai un anno mi hanno permesso di trasformare la mia passione in un lavoro».

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: