Biathlon | 21 gennaio 2022

Federica Sanfilippo: "Sono felice di aver scelto di continuare, ho ritrovato il piacere di fare biathlon"

Federica Sanfilippo: "Sono felice di aver scelto di continuare, ho ritrovato il piacere di fare biathlon"

ANTERSELVA. È una Federica Sanfilippo che trasmette grande serenità quella che incontriamo in mixed zone dopo l’individuale di Anterselva. Certo, non sono arrivati i punti che avrebbe sperato, ma la poliziotta della Val Ridanna è felice del percorso che sta facendo, di essere tornata con continuità in Coppa del Mondo, ma soprattutto di essere nuovamente in ottime condizioni fisiche sugli sci e di aver trovato una buona stabilità al tiro. Sanfilippo sa cosa non è andato per il meglio oggi, ma guarda già avanti alla prossima gara, come ha fatto per tutta la stagione. Ma soprattutto è fiera di quanto sta facendo e delle sue scelte.

Ciao Federica. La gara è iniziata molto bene con quella bellissima serie a terra. Poi sono arrivati i cinque errori che non ti hanno permesso di tornare in zona punti. Puoi raccontarci com’è andata?
«Sono partita bene e sono contenta di come sono andata sugli sci e nel tiro a terra. Peccato per gli errori nelle serie in piedi, dove oggi ho fatto molta fatica. Credo sia l’altura che mi fa sempre questi scherzi, non ero lucidissima e ne ho pagato le conseguenze in piedi. Sono contenta che sugli sci sono andata ancora bene e soprattutto contenta di essere qui».

Sei partita dalla squadra di sede per riprenderti la nazionale e ci sei riuscita. Quanto lavoro c’è alle spalle?
«Non era facile riprendersi un posto in nazionale. Fin dall’inizio ero consapevole che avrei dovuto seguire un percorso difficile. Ho tenuto duro mentalmente, anche perché alle spalle ho il forte team delle Fiamme Oro che mi ha aiutato, tutti gli allenatori che hanno creduto in me. Ho cercato solo di affrontare una gara alla volta con l’obiettivo di fare del mio meglio. Sono contenta di esserci riuscita».

Non potevi permetterti però passi falsi. Non hai sentito un po’ di pressione?
«Un po’ si, ma ho cercato di non pensarci. La cosa più importante è sciare veloce e chiudere i bersagli. Il resto toglie solo energie».

Si nota la tua serenità, il fatto che sei felice di essere qui ed esserti ripresa un posto in Coppa del Mondo.
«Si sono contenta. Devo dire che sono felice di aver fatto certe scelte, di aver continuato. Ho ritrovato nuovamente la fiducia e delle belle sensazioni a sciare e al tiro. Ho ritrovato il piacere fare biathlon. Fare biathlon mi piace di nuovo ed la cosa più importante».

Prima hai parlato dei problemi della quota. Probabilmente dovrai abituarti per le Olimpiadi di Pechino.
«Vero, per forza devo abituarmi, anche lì è molto alto (ride, ndr). Avremo un paio di giorni in più per preparaci bene lì, penso che con qualche allenamento andrà già meglio. Poi vediamo la situazione perché con tutti i PCR che dovremo fare, resta tutto aperto fino all’ultimo».

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: