Biathlon | 18 marzo 2022, 14:10

Biathlon - Tiril Eckhoff reginetta di Holmenkollen. Sul podio della sprint Hauser e Røiseland; bene Vittozzi undicesima

Biathlon - Tiril Eckhoff reginetta di Holmenkollen. Sul podio della sprint Hauser e Røiseland; bene Vittozzi undicesima

L'ultima tappa della stagione si apre nel segno di Tiril Eckhoff che sulla collina di Holmenkollen, davanti al suo pubblico, trova lo spunto per conquistare la prima sprint stagionale al termine di una prova dominata sugli sci e condita dal singolo errore nella serie in piedi, per tenere a bada le velleità della ritrovata austriaca Lisa Hauser, ottima al tiro e presentatasi nella capitale norvegese con la migliore condizione della stagione. I 7" di distacco dalla norvegese tengono aperti sviluppi davvero intriganti in vista della pursuit di domani, quando si troverà alle spalle l'ormai certa vincitrice della Coppa del Mondo generale Marte Røiseland (0-1), staccata di 9"4 dalla coetanea e connazionale.

Gli inserimenti ai piedi del podio di Davidova (0-0, quarta) e Jislova (0-0, sesta) intramezzate da Anais Chevalier (0-0, quinta) spianano per la Repubblica Ceca la strada nella corsa al quinto posto nella classifica a squadre (utile per garantirsi i sei pettorali per il prossimo inverno) nei confronti di un'Italia tenuta a galla da una Lisa Vittozzi (1-0) finalmente convincente e soddisfatta di quanto raccolto, anche e soprattutto nel poligono a terra.

Il miglior shooting time (20"8) ed il singolo errore ha lanciato la sappadina verso un posto sulla soglia della top 10, anche se il gap sugli sci rispetto ad Eckhoff sulla primaverile neve di Oslo è significativo (1'12). Ma in fondo, si tratta di dettagli perchè l'importante per la carabiniera friulana è l'aver (ri)trovato un meccanismo efficiente nella dinamica di tiro, evidenza che quel "dannato problema" (cit.) è forse in fase di risoluzione, con tutte le implicazioni in vista della prossima stagione.

Se Vittozzi ha battuto un colpo importante, per Dorothea Wierer è stata la peggiore giornata del decennio: 6 errori al tiro (3+3) e tanta fatica in pista, per mancare l'appuntamento con la qualifica all'inseguimento ed interrompere l'ultracentenaria serie di risultati a punti. Il serbatoio di Doro appare vuoto, la speranza è che domenica possa trovare stille di energie nervose per difendere la stringata leadership nella graduatoria della mass start conclusiva.

Tornando alla classifica di giornata, tra Jislova e Vittozzi si sono inserite Herrmann (0-1), Paulina Fialkova (0-1), Franziska Hildebrand (0-0) e Chloe Chevalier (0-1) in un venerdì oltremodo difficile anche per le svedesi, a cominciare dalle sorelle Öberg con Elvira (3-0) ed Hanna (4-1) precipitata ai limiti della zona punti. E così la migliore gialloblù è risultata Stina Nilsson (1-1), sedicesima ed appena davanti ad Elvira.

Il suggestivo scenario di Holmenkollen ha portato Samuela Comola (1-0) al 38° posto regalandole i primi punti della carriera nel massimo circuito, mentre Federica Sanfilippo (2-2) si è quanto meno garantita un pettorale per la gara di domani.

Luca Perenzoni

Ti potrebbero interessare anche: