Sci di fondo | 25 ottobre 2022, 13:31

Al CONI, durante il forum Stronger Together, Federico Pellegrino presenta il progetto "Educazione finanziaria e sport"

Al CONI, durante il forum Stronger Together, Federico Pellegrino presenta il progetto "Educazione finanziaria e sport"

Avanti insieme per fare rete, creare una comunità e rafforzare la voce degli atleti. È questo l’obiettivo della Commissione Nazionale Atleti CONI, spiegato nel Forum “Stronger Together” organizzato presso il Salone d’Onore del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, al Foro Italico.

“Sono felice, con Raffaella Masciadri (presidente della Commissione Nazionale Atleti CONI) parlavamo da tempo di questo incontro”, ha dichiarato il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, nel suo intervento al Forum. “In giro per il mondo mi chiedono come faccia l’Italia a fare così bene considerando le carenze dello sport nella scuola e la situazione dell’impiantistica, oltre al divario tra nord, centro e sud e al tema socio-economico. È molto semplice: siamo unici al mondo. Tutti cercano di capire e anche di copiare, ma il nostro sistema è talmente folle che non è mutuabile, come un marchio registrato. È un modello totalmente rovesciato: gli altri partono dalla scuola, noi fondiamo tutto sulle associazioni e sulle società sportive dilettantistiche. E funziona, perché nel 2022 stiamo andando addirittura meglio del 2021: siamo terzi al mondo con più medaglie vinte rispetto alle 283 dello scorso anno e non è finita. Meglio di noi soltanto Stati Uniti e Australia: siamo davanti anche alla Cina, una cosa mostruosa. Ma dobbiamo migliorare e lo faremo anche con il vostro supporto e con la vostra, fortissima competenza. Noi non esisteremmo se non ci fossero le atlete e gli atleti”.

Il Forum “Stronger Together” è stato aperto dal saluto del Segretario Generale del CONI, Carlo Mornati: “Sono emozionato perché l’idea di Raffaella Masciadri è come l’uovo di Colombo. Radunare tutti voi non accadeva da quasi trenta anni ed è molto significativo, anche al di là dei contenuti. Io sono un prodotto delle commissioni atleti e mi fa davvero piacere vedere che siamo parte attiva del movimento. Questa non è un’associazione sindacale, voi non rappresentate gli atleti ma lo sport, portate avanti in modo trasversale tutte le tematiche. Noi siamo centrali nel movimento, come dimostra la Commissione atleti del Comitato Olimpico Internazionale, anche se spesso non ce ne rendiamo conto. E invece dobbiamo prenderne coscienza: il movimento sportivo non esisterebbe senza di noi”, ha sottolineato Carlo Mornati.

Nella prima parte dei lavori, alla presenza del Vicepresidente Vicario Silvia Salis, del Vicepresidente Claudia Giordani e dei rappresentanti delle atlete e degli atleti delle varie Federazioni Sportive Nazionali e Discipline Sportive Associate, il membro CIO Federica Pellegrini ha spiegato come lavora la Commissione atleti del Comitato Olimpico Internazionale: “Ci lavoro da un anno ed è davvero una fortuna - ha detto la campionessa del nuoto - Sentire quanto forte risuona la nostra voce a livello internazionale è importantissimo. La Commissione Atleti del CIO è una rete centrale che fornisce supporto: oggi sono qui per incitare tutte le federazioni, perché avere una Commissione Atleti è fondamentale: mi raccomando, fate parlare gli atleti”.

Il Presidente del Comitato Direttivo della Commissione Nazionale Atleti CONI Raffaela Masciadri e il Vicepresidente Carlo Molfetta hanno poi spiegato il ruolo del direttivo, mentre Antonella Del Core e Cristina Lenardon hanno parlato del regolamento della Commissione Nazionale Atleti. “Il nome del Forum, Stronger Together, è ripreso dalla campagna lanciata dal CIO in occasione dei Giochi di Tokyo, un messaggio di speranza e unione che vogliamo fare nostro”, ha spiegato Masciadri. “Lo sport ha l’irresistibile potenza di unire le persone e noi siamo qui oggi tutti insieme per fare rete, per collaborare in modo sinergico, per far diventare la voce degli atleti sempre più forte. Vogliamo creare una comunità. I temi sul tavolo sono tanti: vi chiediamo di farvi portavoce dei nostri progetti, di darne massima diffusione e allo stesso tempo di condividere con noi le vostre iniziative”, ha aggiunto il Presidente del Comitato Direttivo della Commissione Nazionale Atleti CONI rivolgendosi ai rappresentanti delle atlete e degli atleti delle varie Federazioni Sportive Nazionali e Discipline Sportive Associate presenti nel Salone d’Onore del CONI.

Nella seconda parte del Forum sono state presentate e discusse le iniziative portate avanti dal Direttivo. Carlo Molfetta e Federico Pellegrino hanno raccontato insieme ad Andrea Benassi, Responsabile Progetti Responsabilità Sociale e Sostenibilità ICS, e a Monica Rivelli, Responsabile Sviluppo progetti FEDUF, il progetto “Educazione finanziaria e sport”, volto alla sensibilizzazione degli atleti sui temi della cittadinanza economica, della gestione consapevole del denaro, della pianificazione finanziaria, del risparmio, della legalità economica e della capacità auto-imprenditoriale. “È un’opportunità preziosa e io posso testimoniarlo in prima persona”, ha detto Pellegrino, due volte sul podio olimpico in carriera nello sci di fondo. “Ho cominciato a vincere e di conseguenza a guadagnare da giovane. Ho fatto qualche errore nella mia crescita e nella gestione del risparmio, ma sono stato fortunato perché ho pensato di investire su me stesso e sono riuscito a costruire una carriera ricca di soddisfazioni sportive e anche economiche. Ma avere a disposizione strumenti di educazione finanziaria mi sarebbe servito davvero”.

Il membro di Giunta CONI Paolo Pizzo ha poi presentato le linee guida della Dual Career insieme a Marco Fichera, Rappresentante CUSI, e a Paolo Bouquet, Presidente Unisport Italia, dopo il lancio del primo database sulla doppia carriera (www.unisport-italia.it/dual-career). “Ci abbiamo lavorato sei mesi, un dibattito anche intenso ma molto produttivo ed è stato bello fare comunione. Questo progetto è uno dei nostri target principali e io ne vado particolarmente orgoglioso. Ora ci confronteremo anche con il Comitato italiano paralimpico e poi il passaggio successivo, molto ambizioso, sarà quello di portare a sistema queste linee guida dialogando con gli organi istituzionali”, ha dichiarato Pizzo.

Il Vicepresidente Vicario CONI Silvia Salis ha illustrato insieme a Tatiana Andreoli, arciera azzurra e membro del Consiglio Nazionale CONI, e a Simona Pantò, Head of Marketing & Communication Gruppo Barletta, il premio MyLLENNIUM AWARD - MySPORT, dedicato alla Dual Career e riservato agli atleti under 30. “Questo riconoscimento premia l’eccellenza, viene dato solo se i progetti sono di alto livello. È molto importante parlare di Dual Career, gli atleti devono fare uno scatto culturale importante: dobbiamo farci ascoltare e per farlo bisogna imparare le dinamiche della politica sportiva”, ha sottolineato Salis. “Questo riconoscimento è molto importante. Ispirarsi ai valori dello sport può aiutarci anche per il percorso lavorativo al termine della carriera sportiva. Vorremmo portare questo progetto in tutte le federazioni e nelle discipline associate, sul territorio, affinché possano partecipare il maggior numero di atleti: per questo ci affidiamo a voi”, ha spiegato Andreoli rivolgendosi ai rappresentanti delle atlete e degli atleti delle varie Federazioni Sportive Nazionali e Discipline Sportive Associate presenti nel Salone d’Onore del CONI.

Elena Pantaleo e Francesco Marrai hanno invece parlato del Concorso “Atleta Eccellente Eccellente Studente” intitolato al compianto Filippo Mondelli, un progetto volto promuovere le esperienze di successo in ambito sportivo nonché formativo, di cui il diploma di laurea ne costituisce il simbolo riassuntivo. “Le opportunità offerte sono pazzesche - ha sottolineato Elena Pantaleo, campionessa mondiale di kickboxing - Io sono stata fortunata perché ho avuto la possibilità di studiare grazie ai miei genitori e ora sto facendo un master alla Sapienza interamente pagato. Ma troppi atleti non conoscono questi progetti: è fondamentale insegnare agli atleti che si può studiare e fare sport, i tempi sono cambiati”. “Io mi sono laureato in ingegneria nautica presso l’università di Genova, un percorso molto impegnativo ma molto formativo, un’esperienza che mi ha aiutato anche nello sport”, ha raccontato il velista Marrai, membro del Consiglio Nazionale CONI. “I vincitori saranno annunciati nelle prossime settimane”.

Il Forum “Stronger Together”, che rientra tra i progetti supportati dal Comitato Olimpico Internazionale tramite l’Olympic Solidarity con l’obiettivo di promuovere i principi dell’Olimpismo e aiutare i Comitati Olimpici Nazionali a formare i propri atleti per le sfide del futuro nella loro vita sportiva e professionale, si è concluso con l’illustrazione dei possibili passi futuri per far crescere la Commissione Nazionale Atleti CONI. “Abbiamo bisogno di veicolare insieme questi messaggi e promuovere i nostri progetti, a volte ancora poco conosciuti e invece importantissimi per i giovani”, ha spiegato Anna Cappellini, membro del Consiglio Nazionale CONI. “Vogliamo creare una comunità perché soltanto muovendoci insieme possiamo andare avanti”, ha concluso Masciadri.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche: