Cross Country, Fesa Cup - Pursuit/Mixed Team Relay | SCHILPARIO

Salto | 06 dicembre 2023, 19:50

Salto con gli sci - Attivisti a Lillehammer: "La squadra nazionale deve interrompere la collaborazione con Nammo". L'azienda USA ha venduto armi a Israele

Salto con gli sci - Attivisti a Lillehammer: "La squadra nazionale deve interrompere la collaborazione con Nammo". L'azienda USA ha venduto armi a Israele

Il gruppo di attivisti per la Palestina è stato tra i pochi gruppi di persone ad essere presenti domenica sera per assistere al salto con gli sci maschile al Lysgårdsbakken di Lillehammer. Il loro messaggio era chiaro: "La squadra nazionale di salto deve interrompere adesso la collaborazione con Nammo", hanno gridato i manifestanti. Lo sponsor è facile da individuare sull'attrezzatura dei saltatori norvegesi.

L'attivista Olav Gjøystdal dice a NRK che si sono presentati per mostrare solidarietà alla Palestina: "È una collaborazione a lungo termine che ora crediamo dovrebbe finire, quando si vedrà la brutalità che si sta verificando a Gaza. Il salto con gli sci norvegese e lo sport in generale non possono accettare di essere associati a un’azienda complice dell’uccisione di civili nella misura a cui stiamo assistendo ora".

Due settimane fa il quotidiano israeliano Haaretz ha rivelato che documenti del Pentagono dimostravano che almeno 1.800 lanciarazzi del tipo M141 prodotti dalla Nammo erano stati inviati in Israele dagli Stati Uniti. Queste pistole sarebbero prodotte nella fabbrica Nammo in Arizona. Il responsabile del salto Clas Brede Bråthen si riferisce ad Arne Årbråten, che è il responsabile marketing del salto. Risponde per iscritto alla NRK alle critiche degli attivisti: "La Federazione norvegese, ramo Salto con gli Sci è finanziata al 100% con proventi commerciali, di cui una parte rientra nell'accordo con Nammo dal 2010. La Federazione di Salto con gli Sci e la Federazione di Sci sono assicurate che Nammo segue la legislazione nei paesi in cui l'azienda è sempre presente".

Thorstein Korsvold, direttore media di Nammo, chiarisce alla NRK che le armi furono vendute al Ministero della Difesa americano quasi dieci anni fa. "Ciò che le autorità americane hanno deciso di fare adesso con le armi non riguarda Nammo, che non è coinvolto", dice Korsvold e aggiunge: "Non esiste alcuna esportazione di armi norvegesi in Israele. Se i manifestanti non sono d’accordo con ciò che stanno facendo gli Stati Uniti, probabilmente sono arrivati ​​nel posto sbagliato".

Lo stato norvegese possiede una partecipazione del 50% in Nammo, sempre secondo quanto leggiamo da NRK. La restante metà è di proprietà della finlandese Patria Oyj. Anche i missili anticarro M72 della fabbrica Nammo in Arizona sono stati venduti a Israele nel 2014. Il direttore dell'informazione afferma che le attività americane dell'azienda sono soggette alla legge americana e al controllo delle esportazioni, che non possono controllare.

Il collega di Fjeld al college, il professor Rune Bjerke, non crede che le armi di Nammo siano finite consapevolmente e volontariamente in Israele. Capisce tuttavia che i manifestanti si stanno esprimendo. "Può essere utile che i media se ne occupino e pongano domande. Poi ci saranno discussioni, che porteranno a una reazione a catena, dove potresti diventare un po' più saggio", dice Bjerke. Il professore presenta una proposta concreta su come la squadra di salto e Nammo possano mostrare considerazione. "Fa male a molte persone, quindi a causa della natura della guerra, del disastro umanitario, forse potrebbero accettare di rimuovere il logo per un periodo temporaneo", dice il professore, con l'avvertenza che non si tratterà di una violazione del contratto . La cosa chiaramente non sta bene all'azienda Nammo. "Siamo orgogliosi di ciò che facciamo per la Norvegia, la NATO e l'Ucraina. Siamo orgogliosi del nostro logo. Non dovrebbe essere nascosto", ritiene Korsvold..

L M

Ti potrebbero interessare anche: