Salto | 24 febbraio 2024, 15:15

Salto con gli sci – Doppietta austriaca in casa a Hinzenbach gara-1, vince Eva Pinkelnig. Giornataccia per i colori azzurri

Salto con gli sci – Doppietta austriaca in casa a Hinzenbach gara-1, vince Eva Pinkelnig. Giornataccia per i colori azzurri

La Coppa del mondo di salto con gli sci femminile torna in azione a Hinzenbach, cittadina situata nel land dell’Alta Austria, dopo la cancellazione delle gare di Rasnov a causa di temperature miti e mancanza di neve. La località austriaca è una delle classiche del circuito, sul piccolissimo impianto denominato Aigner-Schanze (HS90) si salta dal lontano 2012, in quell’occasione Daniela Iraschko -non ancora Iraschko-Stolz- realizzò una doppietta.

Spostandoci ad oggi, l’austriaca Eva Pinkelnig vince realizzando un salto pazzesco nella seconda serie. L’atterraggio a 92.0m le ha consentito di ottenere il secondo successo su queste nevi. Jacqueline Seifriedsberger, nel giardino di casa, si è fermata a un’inezia dal trionfo, l’aver saltato da stanga più bassa -richiesta dal suo staff- le ha tolto i punti necessari per sopravanzare la connazionale. A completare il podio, tutto di lingua tedesca, è la teutonica Katharina Schmid, miglior punteggio nel secondo segmento di gara e rimonta dal settimo posto. La bavarese di Oberstdorf, dove fra pochi minuti gareggeranno gli uomini, coglie il terzo podio stagionale dopo Zao e Willingen.

L’Italia si è recata in Austria con un folto gruppo di atlete: Annika Sieff, Lara Malsiner, Jessica Malsiner, Martina Ambrosi e Martina Zanitzer, diciottenne tesserata per lo Sci C.A.I. Monte Lussari. La qualificazione a sessanta atlete -numeri elevati per il settore femminile-, avvenuta un’ora prima dell’inizio della competizione, è stata oltremodo dolorosa per le azzurre, infatti, non hanno sorpassato il taglio Jessica Malsiner (46°), Martina Ambrosi (52°) e Martina Zanitzer (55°). 

Rimanendo in casa Italia con l’inizio della competizione la musica non è cambiata e per l’intero staff è decisamente una giornata da dimenticare, bisogna concentrarsi su quello che si potrà ottenere tra meno di ventiquattro ore. Lara Malsiner, atleta tesserata per il gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, ha chiuso al 32° posto. Al momento dello stacco la gardenese non ha saputo esprimere il suo potenziale, nel 2020 conquistò un podio su questo trampolino -punto più alto della carriera ad oggi-, lo sbilanciamento in avanti nella fase di atterraggio ha segnato la croce sul possibile ingresso in zona punti. Annika Sieff aveva i numeri per essere nelle prime quindici, ma non ha potuto presentarsi in stanga in quanto è stata squalificata per tuta irregolare.

La gara si è aperta da stanga 21 con un leggero vento che si alternava tra frontale e alle spalle. La prima ad aver raggiunto il punto K, fissato a 85m, è stata Selina Freitag (86.5m), particolarità dell’impianto è avere solo uno scarto di cinque metri tra le due linee di riferimento del trampolini (punto K e punto HS). La serie iniziale si è conclusa con quattro atlete in lotta per la vittoria e sette per un papabile posto sul podio. La migliore a metà gara era l’esperta austriaca Jacqueline Seifriedsberger (120.8 pt.), rinata in questa stagione dopo anni bui. Alle sue spalle staccata di soli cinque decimi la compagna Eva Pinkelnig e terza provvisoria Alexandria Loutitt (91.0m), in qualificazione e in allenamento aveva dimostrato di essere la candidata principale per il successo.

Le saltatrici saranno impegnate anche nella giornata di domani, domenica 25 febbraio, il calendario della Coppa del Mondo prevede gara-2 a Hinzenbach.

CLASSIFICA FINALE TOP TEN
1° E. Pinkelnig (AUT) 243.1 (120.3+122.8)
2° J. Seifriedsberger (AUT) 240.2 (120.8+119.4)
3° K. Schmid (GER) 238.0 (114.9+123.1)
4° N. Prevc (SLO) 237.4 (119.4+118.0)
5° A. Loutitt (CAN) 236.9 (120.2+116.7)
6° J. Pagnier (FRA) 227.7 (117.2+110.5)
7° A. Rupprecht (GER) 224.1 (110.1+114.0)
8° N. Kriznar (SLO) 223.9 (115.3+108.6)
9° S. Freitag (GER) 221.1 (111.2+109.9)
10° Y. Ito (JPN) 220.5 (108.6+111.9)

Per la classifica completa, CLICCA QUI


Mirko Efoglia

Ti potrebbero interessare anche: