Salto | 14 febbraio 2019

Nel weekend le saltatrici si sfideranno sullo Schattenbergschanze di Oberstdorf

Nel weekend la Coppa del Mondo di salto femminile farà tappa a Oberstdorf, uno degli autentici templi della disciplina, e ultimo appuntamento prima dei Mondiali di Seefeld.

Credits photo: Michele Dardanelli

Credits photo: Michele Dardanelli

ATTUALITA'
La tappa di Ljubno ha visto Maren Lundby incrementare ulteriormente il proprio margine in classifica generale, dove ora comanda con un vantaggio di 225 punti su Katharina Althaus.

La serie vincente della norvegese si è però interrotta e Sara Takanashi ha conquistato la prima affermazione stagionale. Oberstdorf sarà un'interessante banco di prova per capire chi, tra le due, possa essere la reale favorita per l'oro iridato.

STORIA
A Oberstdorf, ridente villaggio della Baviera posto proprio al confine con l’Austria, il salto con gli sci è praticato sin dal 1909. Si decise di edificare il primo trampolino artificiale già nel 1925. Nacque così lo Schattenbergschanze, ovvero il trampolino della “Montagna Ombrosa”.

Con il passare degli anni, attorno a esso è nato un vero e proprio complesso adibito al salto. Inoltre Oberstdorf è diventata location di culto sia per essere uno dei palcoscenici della Tournée dei 4 trampolini, sia per la presenza dello spettacolare impianto di volo Heini-Klopfer-Schanze.

Per quanto riguarda il settore femminile, le prime competizioni di Coppa del Mondo sono andate in scena nel 2015. Sinora se ne sono disputate 8. Di esse 6 sono andate in scena sul trampolino piccolo, mentre 2 sul trampolino grande, dove peraltro si gareggerà nel weekend.

L’autentica regina di Oberstdorf è Sara Takanashi, capace di imporsi 6 volte. Di queste vittorie 4 sono arrivate su Normal Hill (2016, 2016, 2018, 2018) e 2 su Large Hill (2017, 2017). Inoltre ha primeggiato in 2 occasioni sul piccolo Daniela Iraschko-Stolz (2015, 2015).

Sono otto le atlete in attività a essere salite almeno una volta sul podio da queste parti. Anche questa graduatoria è capitanata da Takanashi, seppur con margine esiguo.

7 – TAKANASHI Sara [JPN] (4-0-1 NH / 2-0-0 LH)
6 – IRASCHKO-STOLZ Daniela [AUT] (2-4-0 NH)
3 – LUNDBY Maren [NOR] (0-0-3 NH)
2 – VOGT Carina [GER] (0-2-0 NH)
2 – AVVAKUMOVA Irina [RUS] (0-1-1 LH)
2 – KLINEC Ema [SLO] (0-0-1 NH / 0-1-0 LH)
1 – HENRICH Taylor [CAN] (0-0-1 NH)
1 – ITO Yuki [JPN] (0-0-1 LH)

Per quanto riguarda l’Italia, Oberstdorf è storicamente contesto estremamente ostico. Non sono mai arrivati piazzamenti nella top-ten e il miglior risultato in assoluto è il 14° posto raccolto da Elena Runggaldier nel 2016. La ventottenne gardenese peraltro è anche detentrice del best result azzurro sul trampolino grande, ovvero una diciassettesima posizione.

PROGRAMMA
Sabato 16, ore 13.00 – Gara I
Domenica 17, ore 13.00 – Gara II

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: