Olimpiadi | 14 novembre 2020

La provincia sudcoreana di Gangwon ha proposto alla Corea del Nord di ospitare insieme gli YOG 2024!

Il governatore della provincia di Gangwon (Corea del Sud) ha proposto al governo di Pyongyang di co-organizzare le Olimpiadi Giovanili Invernali del 2024

La provincia sudcoreana di Gangwon ha proposto alla Corea del Nord di ospitare insieme gli YOG 2024!

A volte lo sport può cambiare la storia e porre fine conflitti che vanno avanti da decenni. È quello che sogna Choi Moon-Soon, governatore della provincia sudcoreana di Gangwon, che prima della guerra di Corea formava un’unica provincia assieme alla nordcoreana Kangwon.    

L’occasione potrebbero essere le Olimpiadi Giovanili Invernali del 2024 che sono state assegnate alla contea di Pyeongchang, che dopo le Olimpiadi e le Paralimpiadi Invernali del 2018 si appresta ad ospitare un altro grande evento internazionale.

Il governatore della provincia di Gangwon ha rivelato di aver inviato una lettera a Pyongyang, capitale della Corea del Nord, offrendo l’opportunità di co-ospitare i Giochi. Choi ha da sempre sostenuto questa possibilità di cooperazione, già in occasione della candidatura. Durante un incontro con il Ministro dell’Unificazione della Corea del Sud, Lee In-Young, Choi ha proposto una collaborazione tra il Ministero e la Provincia per accelerare i progetti intercoreani.

Secondo Choi è necessario che il Ministero dell’Unificazione svolga un ruolo di primo piano nella realizzazione di un evento organizzato in collaborazione con la Corea del Nord.

Insidethegames.biz ha ricordato che già nel 2018 i Giochi Olimpici servirono da impulso per migliorare i legami tra le due Coree, tanto che venne formata una squadra unica di hockey su ghiaccio femminile e i due paesi marciarono assieme durante la cerimonia d’apertura.
Seoul e Pyongyang hanno anche parlato della possibilità di candidarsi insieme per le Olimpiadi Estive del 2032 e per i Mondiali di calcio del 2030. Ogni volta però i conflitti politici tra i due paesi hanno avuto la meglio. Vedremo se qualcosa cambierà in questa occasione.

Giorgio Capodaglio

Ti potrebbero interessare anche: