Biathlon | 26 novembre 2020

Biathlon - L'Equipe svela perché la squadra francese non è stata messa in quarantena

Stephane Boutier, dt di fondo e biathlon, ha spiegato a L'Equipe come sono andate le cose: "La persona risultata positiva, in realtà aveva avuto il covid un mese fa ed evidentemente ha ancora delle piccole tracce"

Foto FFS

Foto FFS

L'IBU ha annunciato questa mattina la positività di un membro della squadra francese di biathlon, non specificandone l'identità, se atleta o persona dello staff. Le autorità sanitarie finlandesi hanno deciso di non mettere però la squadra francese in quarantena.

La motivazione che hanno portato a questa decisione sono state chiarite sul sito de L'Equipe, l'illustre giornale sportivo francese. «Abbiamo lavorato fino all'una di notte per inviare tutti i documenti necessari alle autorità finlandesi - ha affermato Stephane Boutier, direttore tecnico delle squadre francesi - il fatto è che la persona a cui è stato diagnosticato il coronavirus si è ammalata un mese fa. Prima di partire per Kontiolahti, ha fatto dei test negativi. Ma in Finlandia il test è molto più accurato: qui è già stato prelevato un campione di saliva. Si è scoperto che questa persona ha ancora tracce del virus nel corpo. Ma abbiamo fatto riferimento a uno studio che afferma che una persona infetta dal coronavirus cessa di essere pericolosa per gli altri due settimane dopo che tutti i sintomi sono passati. Le autorità finlandesi hanno accettato le nostre argomentazioni e ci hanno permesso di fare a meno della quarantena».

Curiosamente lo stesso Boutier ha recentemente avuto un coronavirus.

G.C.

Ti potrebbero interessare anche: