Biathlon | 31 gennaio 2021

Biathlon - Norvegia dominante nella staffetta mista dei Campionati Europei, quinti gli azzurri

Il quartetto norge si è imposto dopo una partenza in salita, perché Kalkenberg è incorsa nel giro di penalità al termine della serie in piedi: sul podio anche Germania e Ucraina. Buona prova di squadra per il quartetto azzurro

Foto: Deubert IBU

Foto: Deubert IBU

Si sono chiusi i Campionati Europei di biathlon 2021 di Duszniki-Zdroj (Polonia), che oggi prevedevano le due staffette miste. In mattinata si è disputata la single mixed, mentre nel primo pomeriggio è andata in scena la staffetta mista “tradizionale” che ha visto un netto successo da parte della Norvegia: il quartetto composto da Emilie Kalkenberg, Aasne Skrede, Erlend Bjoentegaard e Sivert Bakken si è imposto dopo una partenza in salita, perché Kalkenberg è incorsa nel giro di penalità al termine della serie in piedi. Skrede ha condotto un ottima rimonta cambiando in prima posizione, mentre Bjoenteegard e Bakken hanno gestito al meglio i poligoni e il distacco dalle altre nazioni. La Norvegia ha utilizzato complessivamente 7 ricariche.

La medaglia d’argento è andata alla Germania con una squadra solida composta da Vanessa Voigt, Marion Deigentesch, Dominic Schmuck e Philippe Nawrath: per i tedeschi, che si sono imposti in mattinata nella single mixed, il distacco è pari a 30.7” con l’impiego di 7 ricariche. Terza posizione per l’Ucraina (Petrenko, Vita Semerenko, Tsymbal e Pryma) che schierava in ultima frazione il campione europeo dell’inseguimento, finalizzando al poligono un ottimo lavoro di squadra. Per il quartetto ucraino, che ha utilizzato 10 ricariche complessivamente, il ritardo dai vincitori è di 52.5”.

Quinta posizione finale per l’Italia, preceduta dalla Lituania per la lotta a ridosso del podio. Convincente l’impiego di Eleonora Fauner in prima frazione, con la friulana a condurre la gara nelle prime posizioni fino al secondo poligono, dove ha utilizzato tre ricariche, una in meno rispetto a Nicole Gontier che ha mantenuto l’Italia a galla, distanziata di 30 secondi dal podio virtuale e facendo segnare il terzo tempo di frazione sugli sci. Positiva la prova di Giuseppe Montello in terza frazione: il friulano classe 1992 dell’Esercito è risultato preciso a terra, limitando a due le ricariche utilizzate in piedi e mostrando un ottimo passo sugli sci, molto vicino a quello del leader Bjoentegaard, passando il testimone a Patrick Braunhofer a 31.6” secondi dalla testa e 15” dal podio virtuale dell’Ucraina. Il carabiniere della Val Ridanna si è espresso bene al poligono con l’utilizzo di una sola ricarica e nell’ultimo giro ha lottato con Lituania e Austria per difendere un ottimo piazzamento, battendo in volata l’austriaco Jakob e chiudendo a 1’14.5” dalla Norvegia.

Clicca qui per vedere tutti i risultati

Nicolò Persico

Ti potrebbero interessare anche: