Skiroll | 12 agosto 2022, 14:22

La Venosta Skiroll pronta al debutto: sprint tricolore il 24 settembre, 30 km per lo Ski Classics il 25

Foto di Newspower

Foto di Newspower

Sarà un settembre unico e speciale per la Val Venosta, con la prima edizione de ‘La Venosta Skiroll’ in programma il 24 e il 25 settembre che prevede il Campionato Italiano Sprint, una gara in tecnica classica di 30 km e una di 10 km valide per la Coppa Italia, ma soprattutto come prova Challengers del prestigioso circuito Ski Classics. La vallata altoatesina torna ad essere protagonista per quanto riguarda gli eventi sportivi e questa volta lo sarà con lo skiroll, una disciplina nata come opportunità di allenamento estivo per gli atleti dello sci nordico, ma che ora sta prendendo piede anche tra gli appassionati sportivi di ogni genere. D’estate ormai tutti i fondisti, dai professionisti agli amatori, si concentrano sugli skiroll.

‘La Venosta Skiroll’ debutterà sabato 24 settembre con la rassegna tricolore sprint per le categorie Assoluta, Junior e Giovani, nell’insolita location di San Valentino alla Muta a 1.450 m di altitudine, sul tratto asfaltato della diga che fa da sponda ed argina il Lago di Resia. Le sfide inizieranno alle ore 15 con le qualifiche, mentre alle 17 spettacolo stellare con le finali, soprattutto con al via i protagonisti del Campionato del Mondo Emanuele Becchis e l’altoatesino Matteo Tanel. Le gare junior e giovanili completeranno la serata di sport.

Il giorno dopo il “circus” maschile si sposterà nell’atmosfera medievale di Glorenza per la gara regina ‘La Venosta’, inserita nel circuito Ski Classics Challengers. Dallo scrigno di Glorenza, la città più piccola di tutto l’Alto Adige, scatterà la 30 km che correrà lungo la pista ciclabile fino a Curon e in seguito si affronterà la provinciale fino a raggiungere il traguardo di Melago (1912 m) in Vallelunga, una delle valli più incontaminate di tutto l’arco alpino e un paradiso per chi pratica lo sport outdoor. Si tratta di natura allo stato puro, un paesaggio rurale e contadino lontano dal traffico, con piccole malghe e masi disseminati nella rigogliosa valle, sommersa dal ricco manto nevoso in inverno, quando i granfondisti scalpiteranno in griglia di partenza nella gara Ski Classics dei prossimi 17 e 18 dicembre.

Matteo Tanel, l’azzurro più in vista dello skiroll, è particolarmente soddisfatto della nuova gara: “La sprint lascerà il segno, sulla diga il panorama ci regala viste sull’Ortles, sul Cevedale e il Gran Zebrù. È proprio una cartolina. La gara lunga è bellissima, si fa prima un giro in piano tra Glorenza e Sluderno. Da Glorenza comincia praticamente la salita, si sale prima dolcemente e poi, prima di Burgusio, ci sono delle belle rampe, quasi da… sci alpinismo, sulla ciclabile. Sono belle dure e lì sicuramente si sgranerà il gruppo. Dopo si continua sempre a salire bene verso il lago di San Valentino alla Muta, da lì si entra in strada e poi ci sono quasi 5 km tutti a spinta. Lì chi ne ha può mettere giù un buon ritmo, secondo me. Poi si arranca da Curon verso la Vallelunga, non è durissima perché anche lì si sale a gradoni, il percorso sale e spiana in continuazione. Sarà davvero una gara interessante anche perché si aggiunge ai challengers Ski Classics, quindi oltre ad essere prova di Coppa Italia – dove ci saremo noi italiani - arriveranno anche i nordici e secondo me sarà veramente da menare perché loro non vanno per niente piano, sarà una bella sfida. Sono contento che dopo tantissimi anni in Alto Adige si organizzino gare di skiroll, mi sembra cosa buona e giusta vista la presenza di ben quattro piste da skiroll tra Slingia, Val Martello, Anterselva e Dobbiaco, che andrebbero valorizzate maggiormente”.

Gerald Burger, presidente del comitato organizzatore, ha deciso di fare le cose in grande e da Curon, a pochi passi dal campanile semi-sommerso, farà scattare un’altra emozionante sfida di 10 km al femminile (aperta anche ai maschi), e ancora una gara riservata alle categorie giovanili con percorsi da 1 a 5 km in base all’anno di nascita, per tutti in tecnica classica. In Val Venosta si continua a ‘sciare’ anche nei mesi più caldi, in attesa della neve che renderà l’atmosfera ancora più magica e attraente.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche: