Biathlon | 03 settembre 2022, 16:25

Biathlon - Dorothea Wierer dopo il Martin Fourcade Nordic Festival: "È bello far conoscere il nostro sport con eventi del genere"

Biathlon - Dorothea Wierer dopo il Martin Fourcade Nordic Festival: "È bello far conoscere il nostro sport con eventi del genere"

È arrivato un terzo posto per Dorothea Wierer al Martin Fourcade Nordic Festival, dopo aver assaporato la vittoria, prima di cadere in un ultimo poligono piuttosto complicato e finire in penalità.

L’azzurra ha chiuso quindi alle spalle di Davidova e Blashko. Al termine della gara Wierer ha analizzato a Fondo Italia, in mixed zone, il suo finale di gara: «È sempre difficile quando arrivi all’ultimo poligono che sei in testa, soprattutto se hai tirato nel giro precedente non potendo così prendere la scia e continui a spingere. Al tiro mi sono forse fatta prendere dalla fretta, anche perché questo non è un poligono semplicissimo, in quanto va leggermente in discesa, non è perfettamente orizzontale come in Coppa del Mondo, quindi non è semplice trovare la giusta posizione. E poi, anche in gare del genere hai un po’ di pressione prima dell’ultimo poligono se sei in testa. Alla fine però va bene anche il terzo posto».

Wierer ha anche applaudito l’evento organizzato da Martin Fourcade ad Annecy, che per la terza volta ha chiamato a raccolta tantissimi tifosi: «Eventi come questo sono importantissimi, dimostrano che il nostro è uno sport attraente ed in Francia è veramente popolare. Dovremmo cercare di fare qualcosa del genere anche in Italia, pure se credo sia più difficile. Ma è bello far conoscere il nostro sport attraverso eventi del genere».

In mixed zone erano presenti anche i colleghi di Nordic Magazine, che all’azzurra hanno posto una domanda sul suo futuro: «Ora non penso al futuro, ma mi concentro solo sulla prossima stagione. Al termine di quella passata ero molto stanca e volevo solo riposarmi, così ho fatto non allenandomi per un mese e mezzo. Adesso, però, mi concentro solo sulla stagione, poi vedremo. Ci sono tante giovani che arrivano, io sono più vecchia di loro, così sicuramente hanno molta più energia.
Milano-Cortina 2026? Non so se ci sarò. Voglio dire, amerei parteciparci, ma è ancora molto lontano».

G.C. e D.M.

Ti potrebbero interessare anche: