Salto | 04 gennaio 2019

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Paul-Außerleitner-Schanze (Bischofshofen)

Bischofshofen è l'unica località della Vierschanzentournee a non aver mai cambiato la propria collocazione nell'ordine delle tappe. Pertanto sarà l'evento conclusivo della manifestazione per la sessantasettesima volta in altrettante edizioni.

67^ VIERSCHANZENTOURNEE - Paul-Außerleitner-Schanze (Bischofshofen)

CLASSIFICA GENERALE TOURNEE (3/4 TAPPE)
1. KOBAYASHI Ryoyu (JPN) 815.9
2. EISENBICHLER Markus (GER) -45.5 pts
3. STJERNEN Andreas (NOR) -49.7 pts
4. STOCH Kamil (POL) -65.0 pts
5. LEYHE Stephan (GER) -67.8 pts
6. KOUDELKA Roman (CZE) -69.3 pts
7. KUBACKI Dawid (POL) -73.4 pts
8. ZAJC Timi (SLO) -74.6 pts
9. JOHANSSON Robert (NOR) -96.0 pts
10. HUBER Daniel (AUT) -99.1 pts

Come si può notare, a meno di cataclismi, la 67^ edizione è destinata a Ryoyu Kobayashi.

Peraltro nelle nove precedenti occasioni in cui un saltatore si è presentato al via della tappa di Bischofshofen dopo aver vinto le prime tre, ha sempre portato a casa il successo finale nella Tournée.

I precedenti sono Olaf Bjørn Bjørnstad (1954), Helmut Recknagel (1959), Max Bolkart (1960), Toralf Engan (1963), Bjørn Wirkola (1969), Kazuyoshi Funaki (1998), Sven Hannawald (2002), Janne Ahonen (2005) e Kamil Stoch (2018).

Solo due di loro sono però riusciti a completare il Grande Slam, ovvero a vincere anche la quarta e conclusiva tappa. Si tratta, ovviamente, di Hannawald e Stoch.

STORIA
Per la verità la quarta edizione (1955-‘56) non terminò a Bischofshofen, costretta ad alzare bandiera bianca per mancanza di neve, bensì ad Hallein (località posta una trentina di chilometri più a nord). Si tratta dell'unica competizione valevole per la Vierschanzentournee tenuta su un impianto diverso dagli storici quattro.

Il centro del salisburghese è comunque stato teatro di un numero di gare pari a quello di Oberstdorf e Garmisch-Partenkirchen. Infatti nella cinquantaseiesima edizione (2007-‘08) recuperò la prova non disputata a Innsbruck causa meteo inclemente. Di conseguenza Bischofshofen rappresenta l’unica località in cui si siano disputate due diverse tappe nell’arco della medesima Tournèe.

Storicamente si gareggia sul Paul-Außerleitner-Schanze nel giorno dell'Epifania. Il trampolino, impostato nel 1941 e terminato nel 1947, era inizialmente chiamato Hochkönigschanze.

Tuttavia venne ribattezzato in onore di Paul Außerleitner, atleta locale considerato uno dei pionieri del salto austriaco nell'immediato dopoguerra, tragicamente perito il 9 gennaio 1952 in seguito a una rovinosa caduta patita in allenamento proprio in questo impianto.

Il trampolino, più volte ammodernato, ha però subito rilevanti modifiche strutturali solo nel 1982 e nel 1991. Pertanto è in tutto e per tutto di vecchia concezione e presenta caratteristiche molto particolari.

Infatti non è dotato di grande pendenza e per fornire la corretta velocità agli atleti l'inrun è insolitamente lunga, così come la zona quasi pianeggiante in prossimità del dente. Queste peculiarità uniche fanno sì che per i saltatori sia molto complicato trovare il giusto timing in fase di stacco.

INCIDENZA SULLA TOURNEE
In 26 occasioni (40%) chi si è imposto nel salisburghese si è poi aggiudicato il successo nella Tournèe, mentre in 45 casi (69,2%) la vittoria finale è andata a un atleta salito sul podio.

Questo significa che Bischofshofen è la tappa dove chi non sale sul podio ha la più alta probabilità di imporsi comunque nella Tournée. 

Tuttavia la tendenza recente ribalta in maniera eclatante i numeri storici. Se guardiamo all’ultimo decennio chi ha primeggiato qui ha poi conquistato la classifica generale 6 volte (60%), mentre in 9 anni su 10 (90%) il vincitore è stato uno degli atleti capaci di chiudere nella top-three.

Questo significa che dal 2008 in poi il Paul-Außerleitner-Schanze è il trampolino su cui chi vince ha la più alta percentuale di successi nella classifica generale della Tournée.


VINCITORI
Sinora 50 differenti saltatori in rappresentanza di soli 9 movimenti diversi hanno ottenuto almeno un successo a Bischofshofen.

Il ceco Jiri Raska (1968, 1969, 1970), il norvegese Bjørn Wirkola (1965, 1967, 1972), il tedesco Jens Weißflog (1983, 1984, 1996) e il finlandese Janne Ahonen (2006, entrambe le gare del 2008) hanno conquistato 3 vittorie a testa.

Sono 7 gli uomini riusciti a bissare un successo. Si tratta degli austriaci Andreas Goldberger, Andreas Widhölzl, Thomas Morgenstern e Gregor Schlierenzauer; dei tedeschi Helmut Recknagel e Sven Hannawald; del polacco Kamil Stoch.

 

Fra i saltatori in attività, sono in quattro a essersi già fregiati di almeno una vittoria sul Paul-Außerleitner-Schanze:

2 – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2007, 2013]
2 – STOCH Kamil (POL) [2017, 2018]
1 – HAYBÖCK Michael (AUT) [2015]
1 – PREVC Peter (SLO) [2016]

L'Austria domina incontrastata la graduatoria delle vittorie per nazioni con ben 23 affermazioni:

23 – AUSTRIA
12 – NORVEGIA
10 – FINLANDIA
10 – GERMANIA (6 DDR + 4 GER)
05 – CECOSLOVACCHIA
03 – POLONIA
01 – SVIZZERA
01 – SLOVENIA
01 – STATI UNITI

Il Paul-Außerleitner-Schanze è l'unico trampolino in cui non è mai stata assegnata una vittoria ex-aequo.


SERIE

In 7 occasioni la stessa nazione è riuscita a realizzare doppietta piazzando due atleti nelle prime due posizioni. L’ultima però nel 1ontano 1998 quando i tedeschi Sven Hannawald e Hansjörg Jäkle chiusero rispettivamente primo e secondo.

In realtà esiste un’ottava doppietta sul Paul-Außelreitner-Schanze, la quale sarebbe peraltro l’ultima in ordine temporale. Non si è però verificata in una gara della Tournée, bensì in quella dei Campionati Mondiali di sci nordico 1999. Quel giorno a Bischofshofen i tedeschi Martin Schmitt e Sven Hannawald vinsero rispettivamente la medaglia d’oro e quella d’argento.

In 1 solo caso è stato monopolizzato l’intero podio:

Il 6 gennaio 1960 dall'Austria padrona di casa.
Albin Planck precedette Otto Leodolter e Willi Egger.

L’Austria detiene il primato di successi consecutivi, con 4, striscia peraltro recentissima e realizzata da altrettanti atleti diversi (Morgenstern 2012, Schlierenzauer 2013, Diethart 2014, Hayböck 2015).

 PODI
Finora 116 differenti saltatori in rappresentanza di 16 diversi movimenti sono saliti almeno una volta sul podio.

Il finlandese Janne Ahonen spadroneggia nella graduatoria individuale per podi complessivi con 10.

Fra gli atleti in attività, questo è il bilancio complessivo dei podi raccolti a Bischofshofen

0-2-2 (4) – AMMANN Simon (SUI) [2007, 2008, 2009, 2010]
2-0-1 (3) – SCHLIERENZAUER Gregor (AUT) [2007, 2012, 2013]
1-1-1 (3) – HAYBÖCK Michael (AUT) [2015, 2016, 2017]
0-3-0 (3) – KASAI Noriaki (JPN) [1993, 1994, 2015]
2-0-0 (2) – STOCH Kamil (POL) [2017, 2018]
1-1-0 (2) – PREVC Peter (SLO) [2014, 2016]
0-1-1 (2) – KOFLER Andreas (AUT) [2003, 2011]
0-0-2 (2) – KRAFT Stefan (AUT) [2013, 2015]
0-1-0 (1) – FANNEMEL Anders (NOR) [2018]
0-1-0 (1) – ITO Daiki (JPN) [2005]
0-1-0 (1) – FREUND Severin (GER) [2016]
0-0-1 (1) – VASSILIEV Dimitry (RUS) [2009]
0-0-1 (1) – ZYLA Piotr (POL) [2017]
0-0-1 (1) – WELLINGER Andreas (GER) [2018]

L’Austria comanda incontrastata nella graduatoria per nazioni, con ben 49 podi.
Questa la graduatoria completa:

49 – AUSTRIA
37 – NORVEGIA
30 – GERMANIA (18 DDR + 11 GER + 1 FRG)
26 – FINLANDIA
14 – REP.CECA (13 CEC + 1 CZE)
09 – POLONIA
07 – SVIZZERA
06 – RUSSIA (5 URS + 1 RUS)
06 – SLOVENIA (4 SLO + 2 YUG)
05 – GIAPPONE
01 – STATI UNITI
01 – SVEZIA
01 – FRANCIA
01 – ITALIA
01 – GEORGIA [Sotto bandiera sovietica]
01 – UCRAINA [Sotto bandiera sovietica]

Il podio italiano porta la firma di Roberto Cecon, piazzatosi secondo il 6 gennaio 1995 alle spalle dell'austriaco Andreas Goldberger e davanti al tedesco Dieter Thoma.

Nonostante siano stati ottenuti sotto bandiera sovietica, i podi di Koba Zakadze (georgiano) e di Anatoly Zeglanov (ucraino) non possono essere assimilati al movimento russo.

 
RECORD
Il record ufficiale del trampolino è detenuto dal giapponese Andreas Wellinger, atterrato a 144,5 metri (quattro e mezzo oltre l'Hs) il 5 gennaio del 2017.

Tuttavia non va dimenticato come il 5 gennaio del 2008 Gregor Schlierenzauer si sia spinto a 145 metri in un salto di allenamento.

PALINSESTO TELEVISIVO
(DIRETTA INTEGRALE SU EUROSPORT)

Sabato 5 gennaio, ore 16.50 – Qualificazione Bischofshofen
Domenica 6 gennaio, ore 16.30 – Gara Bischofshofen

La start list della qualificazione verrà annunciata attorno alle ore 13.30 del 5 gennaio.

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: