Salto | 22 febbraio 2019

MONDIALI SEEFELD - Presentazione Gara Individuale maschile Large Hill

Il 23 febbraio 2019 verrà assegnato il XXIV titolo mondiale maschile di salto con gli sci su Large Hill. L'evento venne inserito nel programma iridato a partire dall’edizione 1962, quando si affiancò alla competizione da sempre disputata su trampolino piccolo.

Credits photo: Michele Dardanelli

Credits photo: Michele Dardanelli

STORIA
Sino a oggi sono 22 gli atleti capaci di laurearsi campioni del mondo su trampolino grande. Pertanto solo uno di loro è stato in grado di ripetersi. Si tratta del tedesco Martin Schmitt, impostosi nel 1999 e nel 2001.

Sono cinque i saltatori in attività a vantare un oro iridato su trampolino grande. Si tratta di Simon Ammann (2007), Gregor Schlierenzauer (2011), Kamil Stoch (2013), Severin Freund (2015) e Stefan Kraft (2017).

Se allarghiamo il discorso alle medaglie tout-court, sono nove gli uomini in attività ad averne già conquistata una in questa competizione:

2 – SCHLIERENZAUER Gregor [AUT] (Oro 2011; Arg 2015)
2 – AMMANN Simon [SUI] (Oro 2007; Bro 2011)
1 – STOCH Kamil [POL] (Oro 2013)
1 – FREUND Severin [GER] (Oro 2015)
1 – KRAFT Stefan [AUT] (Oro 2017)
1 – WELLINGER Andreas [GER] (Arg 2017)
1 – PREVC Peter [SLO] (Arg 2013)
1 – KASAI Noriaki [JPN] (Bro 2003)
1 – ZYLA Piotr [POL] (Bro 2017)

Tuttavia Schlierenzauer, Freund e Kasai non gareggeranno a Innsbruck, in quanto non inseriti tra i convocati per l’edizione 2019.

In tema di nazioni, sono 9 i Paesi in grado di produrre almeno un campione del mondo su trampolino grande. Comanda la Germania all-inclusive con 5 successi (due ai tempi della DDR e tre dopo la riunificazione). Seguono, vicinissime, la Finlandia e la Norvegia a quota 4. L’Austria si attesta a 3. Vengono poi Svizzera e Polonia a 2. Si conta infine 1 affermazione per Giappone, Russia (come Urss) e Slovenia (come Jugoslavia).

Sotto undici i Paesi ad aver raccolto almeno una medaglia iridata in competizioni su trampolino grande. Anche qui si nota un dominio tedesco.

14 (5-6-3) – GERMANIA (All-inclusive)
12 (4-4-4) – NORVEGIA
11 (4-3-4) – FINLANDIA
10 (3-4-3) – AUSTRIA
05 (2-1-2) – POLONIA
04 (2-0-2) – SVIZZERA
04 (1-1-2) – GIAPPONE
04 (0-2-2) – REP.CECA (compresa Cecoslovacchia)
02 (1-1-0) – RUSSIA (compresa Urss)
02 (1-1-0) – SLOVENIA (compresa Jugoslavia)
01 (0-0-1) – SVEZIA

STAGIONE 2018-2019
Nella stagione in corso si sono disputate 19 gare individuali su Large Hill in cui si sono imposti 7 atleti diversi e sono complessivamente saliti sul podio 16 differenti uomini.

La graduatoria delle vittorie è dominata da Ryoyu Kobayashi, con la bellezza di 10 affermazioni. Segue Stefan Kraft a quota 3. Si contano 2 successi per Karl Geiger. Infine hanno primeggiato in 1 singola occasione Evgeny Klimov, Johann Andre Forfang, Dawid Kubacki e Kamil Stoch.

Kobayashi è anche l'atleta a vantare più podi nel corrente inverno, poiché ne ha conquistati ben 15 (10-1-4), quasi il doppio rispetto agli 8 raccolti da Stoch (1-3-4). Il polacco è tallonato da Kraft (3-2-2), arrivato a 7, e da Piotr Zyla, issatosi a 6 (0-3-3).

Si attesta a quota 4 Kubacki (1-2-1), mentre sono a 3 Markus Eisenbichler (0-3-0) e Robert Johansson (0-1-2). Viene poi a 2 la coppia composta da Geiger (2-0-0) e Forfang (1-1-0).

Hanno infine in carniere un piazzamento nella top-three Klimov (1-0-0), Stephan Leyhe (0-1-0), Andreas Wellinger (0-1-0), Timi Zajc (0-1-0), Daniel Huber (0-0-1), Andreas Stjernen (0-0-1) e Yuka Sato (0-0-1).

Dunque sinora sul podio delle prove su Large Hill hanno sventolato le bandiere di sette diverse nazioni. In tal senso comanda la Polonia con 18 (2-8-8). Segue il Giappone a 16 (10-1-5). Molto più staccati gli altri paesi. L’Austria è a 8 (3-2-3), braccata dalla Germania a 7 (2-5-0) e dalla Norvegia a 6 (1-2-3). Chiudono a 1 la Russia (1-0-0) e la Slovenia (0-1-0).

In casa Italia il miglior risultato è un 27° posto ottenuto a Nizhny Tagil da Alex Insam, il quale è entrato nelle prime trenta posizioni solamente in un’altra occasione. Sebastian Colloredo, l’altro azzurro convocato per la rassegna iridata, ha invece sempre faticato a superare le qualificazioni.

PRECEDENTI INNSBRUCK
I Mondiali sono nominalmente assegnati a Seefeld, ma le competizioni su trampolino grande si disputano sul leggendario Bergiselschanze di Innbruck, distante meno di 30 km dalla stazione sciistica tirolese e abituale teatro di una tappa della Tournée dei 4 trampolini.

Sinora su questo impianto sono andate in scena ben 69 gare di primo livello. Sessantasei di esse hanno avuto valore per la Vierschanzentournee. Vanno inoltre aggiunte le competizioni olimpiche del 1964 e del 1976, nonché quella iridata del 1985.

Sinora 54 differenti saltatori hanno ottenuto almeno un successo sul Monte Isel. Quattro di essi saranno in gara domani. Si tratta di Richard Freitag (2015), Peter Prevc (2016), Kamil Stoch (2018) e Ryoyu Kobayashi (2019).

In tema di nazioni, comanda un terzetto composto da Norvegia, Finlandia e Austria, tutte accreditate di 14 successi. Segue la Germania all-inclusive a 12. Si contano poi 6 affermazioni per il Giappone, 4 per l’Unione Sovietica, 3 per la Slovenia (compresa una come Jugoslavia), 2 per la Polonia, 1 per Cecoslovacchia e Svezia.

Sono dieci gli atleti in gara domani a essere già saliti sul podio del Bergiselschanze. La graduatoria è capitanata da Simon Ammann,con 5.

0-2-2 (4) – AMMANN Simon (SUI)
1-1-1 (3) – STOCH Kamil (POL)
0-2-0 (2) – KRAFT Stefan (AUT)
1-0-0 (1) – FREITAG Richard (GER)
1-0-0 (1) – PREVC Peter (SLO)
1-0-0 (1) – KOBAYASHI Ryoyu (JPN)
0-1-0 (1) – JOHANSSON Robert (NOR)
0-0-1 (1) – KLIMOV Evgeny (RUS)
0-0-1 (1) – WELLINGER Andreas (GER)
0-0-1 (1) – STJERNEN Andreas (NOR)

PALINSESTO TELEVISIVO
La gara sarà trasmessa in diretta televisiva da Eurosport a partire dalle ore 14.15.

CLICCA QUI PER LA START LIST

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: