Combinata | sabato 12 gennaio 2019

La Norvegia di Schmid e Graabak vince in volata la team sprint della Val di Fiemme. L’Italia è quarta

Beffata la Germania, che ha completato il podio con Rydzek-Geiger e Frenzel-Riessle. Ottima prova degli azzurri Costa e Pittin

Credit photo Michele Dardanelli

Credit photo Michele Dardanelli

Questo pomeriggio in località Lago di Tesero, in Val di Fiemme, è andato in scena il segmento di fondo della prima team sprint stagionale. Ancora una volta la Norvegia ha festeggiato il successo, arrivato in un finale cardiopalma dove è stata beffata la Germania.

La coppia formata da Jan Schmid e Jørgen Graabak, partita davanti a tutti dopo aver fatto segnare il miglior punteggio nel salto, ha visto diminuire pian piano il proprio margine durante le prime tornate, braccata dalle due squadre teutoniche (Rydzek-Geiger e Frenzel-Riessle) che si sono date cambi regolari nel tentativo di rientrare sulla testa della corsa. Il riaggancio è avvenuto all’inizio della penultima tornata, dopodiché il terzetto ha proseguito la sua corsa, senza che nessun atleta riuscisse a fare la differenza rispetto agli altri.

Ultimo giro da batticuore, dove Fabian Riessle ha prima provato l’attacco in salita, subito stoppato da un brillante Graabak e da Vinzenz Geiger, dopodiché ha provato a sorprendere gli avversari nella lunga discesa che porta all’entrata dello stadio. In quest’occasione il ventisettenne del Baden-Württemberg è riuscito a prendere qualche metro di vantaggio, ma il norge e il connazionale sono ancora riusciti a chiudere il gap e sfruttando la scia lo hanno affiancato e superato, andando ad imboccare quasi appaiati il rettilineo finale.

In questo frangente si è verificato un episodio che è andato a vanificare le speranze tedesche: Graabak, leggermente più avanti rispetto a Geiger, è andato a chiudere il rivale, andando a prendersi la corsia esterna su cui si stava inserendo il teutonico. Lo scandinavo si è dunque involato verso il successo, mentre Geiger si è quasi rialzato stizzito, riprendendosi poi subito in modo da sprintare almeno per la piazza d’onore, infine conquistata al fotofinish.

Alle spalle del trio di testa fin dall’inizio della competizione si è andato a formare un altro terzetto con Italia I (Samuel Costa e Alessandro Pittin), Austria I (Lukas Greiderer) e Norvegia II (Magnus Krog ed Espen Bjørnstad). Il primo team a perdere le code già nella quarta tornata è stato quello norge, dopodiché l’azzurro Pittin ha ulteriormente fatto selezione, staccando il rivale Rot-Weiss-Rot nel sesto giro. Gli italiani non sono però riusciti a rientrare nella contesa per il podio, andando infine a chiudere al 4° posto, mentre Austria I e Norvegia II hanno concluso rispettivamente 5^ e 6^.

Rimonta prepotente fino alla 7^ posizione per Austria II, formata da Wilhelm Denifl e Paul Gerstgraser, andata a precedere Finlandia I di Ilkka Herola e Arttu Mäkiaho. Prestazione maiuscola sugli sci stretti anche per gli Stati Uniti (Taylor Fletcher – Adam Loomis), partiti con il wave e infine in 10^ piazza preceduti dalla Francia (Francois Braud – Antoine Gerard). Infine il secondo team azzurro formato da Lukas Runggaldier e Aaron Kostner ha a sua volta recuperato posizioni andando a concludere in 13^ posizione.

Domani si concluderà con una Gundersen il weekend in terra italiana. Il salto è in programma alle ore 10 seguito dal fondo alle 14.30

VAL DI FIEMME – TEAM SPRINT
1. NORVEGIA I (Schmid, Graabak) 34’30’’9
2. GERMANIA I (Rydzek, Geiger) a 0’’5
3. GERMANIA II (Frenzel, Riessle) a 0’’5
4. ITALIA I (Costa, Pittin) a 39’’4
5. AUSTRIA I (Greiderer, Klepfer) a 1’09’’3
6. NORVEGIA II (Krog, Bjørnstad) a 1’13’’7
7. AUSTRIA II (Denifl, Gerstgraser) a 1’21’’7
8. FINLANDIA I (Herola, Mäkiaho) a 1’29’’3
9. FRANCIA (Braud, Gerard) a 1’41’’4
10. STATI UNITI (Fletcher, Loomis) a 1’53’’0
Clicca qui per i risultati completi

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: