Combinata | 27 gennaio 2019

Immenso Jarl Magnus Riiber: trionfa in rimonta nella gara due di Trondheim

Il norvegese ha bissato il successo di ieri con schema di gara decisamente differente. Piazza d’onore per il tedesco Vinzenz Geiger, terzo Jørgen Graabak

Credits photo Michele Dardanelli

Credits photo Michele Dardanelli

La tappa di Trondheim rappresenta una svolta per la stagione di Coppa del Mondo di combinata nordica. Nella seconda gundersen del finesettimana ha infatti nuovamente trionfato Jarl Magnus Riiber, ribaltando il pronostico che non lo vedeva così favorito dopo il segmento di salto.

Il norvegese, scattato con il pettorale 11 a 1’42’’ dal leader del salto Szczepan Kupczak, in compagnia del connazionale Jørgen Graabak ha fin da subito impresso un ritmo indiavolato nel tentativo di chiudere il gap sul gruppo che lo precedeva. Il plotone formato dal tedesco Vinzenz Geiger e dai fratelli Akito e Yoshito Watabe, partito con mezzo minuto di margine sul pettorale giallo, è stato raggiunto dai due norvegesi già nel corso della seconda tornata e poche centinaia di metri più tardi si è riportato sulla testa della corsa. Si è così formato un gruppo di sette unità, tra le cui fila si contava anche la presenza di Franz-Josef Rehrl.

Una volta ricompattatosi il drappello, tutti hanno tirato il fiato cercando di recuperare preziose energie, cosicché l’austriaco Lukas Greiderer ne ha approfittato per rientrare a sua volta, andando a formare un ottetto. La competizione si è riaccesa nell’ultimo giro con Geiger protagonista di un poderoso attacco in salita. A questo ha risposto il solo Riiber, invece Graabak, Rehrl e Akito Watabe hanno perso qualche metro decisivo e il resto della compagnia si è staccato. Sulla sommità dello strappo è rientrato in gioco Graabak, chiudendo sui due di testa, ma Riiber ha sopravanzato tutti imboccando davanti la discesa conclusiva. Qui ha iniziato a guadagnare metri, aiutato da materiali superlativi, andando infine ad agguantare l’8° successo stagionale.

Il ventunenne di Oslo è così ora sempre più lanciato verso la conquista della Sfera di Cristallo, avendo un margine di 357 lunghezze a sei competizioni dal termine della stagione. Soprattutto è riuscito a trionfare laddove lo schema di gara non era così favorevole, non avendo fatto la differenza nel salto in nessuna delle due prove del finesettimana, ma ha comunque archiviato un doppio successo grazie a due performance superlative sugli sci stretti – oggi ha marcato il 2° tempo. 

Si è dovuto accontentare della piazza d’onore Vinzenz Geiger, precedendo Jørgen Graabak che è salito sul terzo gradino del podio. Ha retto molto bene nel fondo Rehrl, infine 5° battendo il nipponico Akito Watabe. Miglior risultato stagionale per l’austriaco Lukas Greiderer (6°), che spera di convincere il proprio staff tecnico in vista dei Mondiali di casa di Seefeld. Discreta prova anche da parte del fratello d’arte Yoshito Watabe, giunto in 7^ posizione.

Continua la striscia di top ten per Espen Bjørnstad , partito quest’oggi insieme al vincitore, ma non riuscito a reggere il forcing del compagno di squadra nel primo giro. Il venticinquenne scandinavo ha proceduto con il proprio passo e, una volta ripreso dal plotone in gran rimonta formato da Johannes Rydzek, Fabian Riessle Lukas Klapfer, si è accodato fino ad andare a precedere tutti allo sprint finale, raccogliendo l’8^ moneta. Nono posto per Rydzek, davanti a Klapfer e a Riessle. Per il bavarese la Sfera di Cristallo è sempre più lontana e verosimilmente dovrà lottare con Akito Watabe per la seconda posizione, ma non distanti si trovano anche gli austriaci Rehrl e Seidl.

Dopo aver tenuto bene le code del gruppo di testa nelle tornate centrali, Kupczak è naufragato in quella conclusiva, andando a chiudere in 12^ posizione ma realizzando il miglior risultato della carriera. Bene anche il francese Laurent Muhlethaler, infine 14° alle spalle di Manuel Faisst.

Un commosso Magnus Moan ha terminato la gara salutando tutto il pubblico ed abbracciando i compagni di squadra, in quella che verosimilmente sarà la sua ultima competizione sulle nevi di casa.

Il parco partenti odierno è stato davvero esiguo: in 40 hanno preso parte al segmento di salto, ma di questi ben 8 non sono partiti nel fondo, Tra i quali ritroviamo Terence Weber ed Eric Frenzel.

Il massimo circuito prosegue senza sosta: ci si sposterà ora in Germania a Klingenthal, dove venerdì andrà in scena il PCR, seguito da due gundersen sabato e domenica.

TRONDHEIM I – HS138 / 10km
1. RIIBER Jarl Magnus (NOR) 26’15’’0
2. GEIGER Vinzenz (GER) a 1’’2
3. GRAABAK Jørgen (NOR) a 2’’5
4. REHRL Franz-Josef (AUT) a 3’’7
5. WATABE Akito (JPN) a 5’’0
6. GREIDERER Lukas (AUT) a 13’’9
7. WATABE Yoshito (JPN) a 16’’9
8. BJØRNSTAD Espen (NOR) a 38’’8
9. RYDZEK Johannes (GER) a 39’’2
10. KLAPFER Lukas (AUT) a 40’’6
Clicca qui per i risultati completi.

Martina Dardanelli

Ti potrebbero interessare anche: