Biathlon | 06 febbraio 2019

La Coppa del Mondo di biathlon fa tappa a Canmore [Presentazione maschile]

La Coppa del Mondo di biathlon si appresta a vivere una trasferta intercontinentale. Infatti per due settimane si gareggerà sulle Montagne Rocciose. La prima delle due tappe nordamericane è prevista a Canmore (Canada).

La Coppa del Mondo di biathlon fa tappa a Canmore [Presentazione maschile]

ATTUALITA’
A meno di sconquassi, la Sfera di cristallo è destinata a tornare in Norvegia dopo 8 anni. D’altronde Johannes Thingnes Bø vanta un vantaggio di 288 punti su Alexander Loginov, l’avversario presente in Nordamerica a lui più vicino in classifica generale. Martin Fourcade ha infatti preferito rimanere in Europa per preparare al meglio i Mondiali di Östersund. Oltre al transalpino, fra i primi dieci della classifica generale dovrebbe mancare solamente Tarjei Bø.

Per la verità il venticinquenne norvegese ha ora ingaggiato a distanza una lotta con i record del trentenne francese. A oggi lo scandinavo ha conquistato 11 successi in stagione e minaccia seriamente il primato di 14 affermazioni stabilito dal catalano nell’inverno 2016-’17.

STORIA
La Coppa del Mondo di biathlon ha fatto tappa in Canada solo occasionalmente, dividendosi in quattro differenti località. Hinton (Alberta), Valcartier (Quebec), Whistler Mountain (British Columbia) e Canmore (Alberta). Proprio quest’ultima è però quella più ricca di storia.

La cittadina posta a un’ottantina di chilometri da Calgary è stata teatro delle gare olimpiche del 1988 e ha ospitato il massimo circuito in altre quattro stagioni: 1987, 1991, 1994, 2016.

Sino a questo momento ha mandato in scena 10 competizioni individuali di primo livello (4 venti km, 5 sprint e 1 mass start), di cui due con valore olimpico.

Il mattatore è il tedesco Frank-Peter Roetsch, capace di fare proprie entrambe le medaglie d’oro messe in palio durante i Giochi del 1988. Peraltro il teutonico è l’unico atleta ad aver vinto più di una competizione.

I soli in attività ad aver già primeggiato da queste parti sono Martin Fourcade e Dominik Windisch. Sono inoltre saliti su uno dei due gradini più bassi del podio Benedikt Doll, Simon Schempp e Quentin Fillon Maillet.

ITALIA, STORIA E ATTUALITA’
Sono cinque le nazioni capaci di vincere a Canmore. Alle quattro superpotenze storiche della disciplina si aggiunge l’Italia, toltasi parecchie soddisfazioni.

Come detto Dominik Windisch, trionfatore della mass start del febbraio 2016, è uno dei due atleti in attività ad aver già vinto qui. Il suo però non è il solo successo azzurro da queste parti.

Infatti il 17 marzo 1994 Hubert Leitgeb si impose in una 20 km, conquistando l’unica affermazione della sua carriera. Il biathleta di Rasun-Anterselva prematuramente scomparso nel 2012 aveva peraltro un rapporto privilegiato con Canmore, poiché il 16 marzo 1991 vi aveva ottenuto il suo primo podio, piazzandosi nella sprint.

I podi di Windisch e Leitgeb sono stati preceduti dall’ingresso nella top-three più prestigioso in assoluto. Infatti il 20 febbraio 1988 Johann Passler si mise al collo il bronzo olimpico dell’individuale.

L’edizione dei Giochi di Calgary portò in dote un'altra medaglia al movimento azzurro, quella della staffetta. Werner Kiem, Gottlieb Taschler, lo stesso Passler e Andreas Zingerle raccolsero il bronzo.

Guardando agli uomini in attività, Windisch oltre al successo, vanta un 8° posto. Non si registrano altri ingressi nella top-ten. Lukas Hofer è stato al massimo 18°, anche se non va dimenticato come nel 2009 vinse due medaglie d’oro ai Mondiali junior disputati proprio a Canmore. Thomas Bormolini dal canto suo ha raccolto un ingresso in zona punti, grazie a una 35^ piazza.

STAFFETTA
A proposito di staffetta, il programma della tappa prevede che sabato vada in scena una prova a squadre. Sarà la quarta qui a Canmore, dove sinora si sono imposte solo l’Unione Sovietica (2 volte) e la Russia.

L’Italia vanta due terzi posti, poiché 6 anni dopo quello olimpico Patrick Favre, Willy Pallhuber, Pieralberto Carrara e Andreas Zingerle si attestarono nuovamente sul gradino più basso del podio.

PROGRAMMA ORIGINALE (ORARIO ITALIANO)
Giovedì 7, ore 18.00 – Individuale (Diretta Eurosport)
Sabato 9, ore 20.15 – Staffetta (Diretta Eurosport)
Domenica 10, ore 18.45 – Mass Start (Diretta Eurosport)

ATTENZIONE! Il programma dovrebbe venire stravolto a causa del freddo estremo. Al momento l'IPOTESI più probabile è la seguente:

Giovedì 7, ore 20.00 – Individuale (Diretta Eurosport)
Venerdì 8, ore 20.30 – Staffetta (Diretta Eurosport)
Data e orario da stabilire – Mass Start (Diretta Eurosport)

Si rimanda alle informazioni che verranno diramate dall'Ibu nei prossimi giorni.

Francesco Paone

Ti potrebbero interessare anche: